Molti in questo periodo sono alla ricerca di un paio di cuffie sportive wireless, in vista della ripresa delle attività all’aperto, soprattutto la corsa. Ce ne sono tantissime in commercio, ma non tutte hanno un personal trainer integrato e dispensano suggerimenti in tempo reale. È anche per questo che sono interessanti le JVC HA-ET65BV, cuffie Bluetooth resistenti all’acqua (IPX5), e soprattutto dotate di un sensore di movimento incorporato.

Ognuno ha uno stile di corsa proprio, spesso gli appassionati non professionisti ignorano che può essere una particolare andatura o un movimento a causare fastidi e infortuni, o a impedire di migliorare i propri tempi. È qui che entra in gioco il motore hardware BiomechEngine, che elabora i dati in tempo reale e fornisce un feedback vocale istantaneo.

In pratica il sensore di movimento comunica con l’app Runspect, analizza in tempo reale lo stile di corsa dell’utente tra cui ritmo, impatto, bilanciamento, andatura, ampiezza, rigidezza delle gambe e altro. Il personal trainer “virtuale” a questo punto dà suggerimenti che i runner possono mettere in pratica immediatamente, e verificarne subito i benefici.

Il produttore dichiara fino a sette ore di autonomia, dato che sarà da verificare in fase di test. L’ergonomia e il sistema proprietario Pivot Motion Fit+ concorrono a tenerle ben salde all’orecchio durante la corsa o altra attività. In dotazione ci sono ganci per l’orecchio di tre dimensioni, auricolari normali e di tipo aperto che permettono anche di udire i rumori esterni.

Da notare, inoltre, l’impiego di cavi anti-groviglio la cui lunghezza si regola facilmente. Per non perdere gli auricolari quando non sono indossati, c’è poi un aggancio magnetico che li tiene ben saldi attorno al collo. La dotazione include il telecomando a tre pulsanti. Queste cuffie sono inoltre compatibili con gli assistenti vocali per smartphone. Le cuffie HA-ET65BV sono già in vendita a un prezzo consigliato di 130 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Speedgate è il primo sport al mondo generato da un’Intelligenza Artificiale

prev
Articolo Successivo

Caselle di posta Outlook esposte agli hacker, Microsoft avvisa gli utenti interessati

next