Chi sono i buoni, chi sono i cattivi nella nostra società? Rubare dei soldi ai criminali è un reato? Per la legge materiale sì, ma per la legge morale kantiana lo è davvero? E sono più immorali per la società i grandi evasori fiscali o i poveri cristi che stentano a mettere insieme il pranzo con la cena? È un criminale chi vende il proprio corpo per vivere bene o chi guadagna 575 volte il salario della propria dipendente? È morale che la Polizia possa poi disporre del 50% di tutto il denaro che sequestra (almeno secondo la legge del Canada)?

A questi e a molti altri interrogativi cerca di dare una propria risposta l’ultimo film del canadese Denys Arcand, La caduta dell’impero americano, nel quale l’impero è appunto una società che ci imprigiona in mille differenti cliché sociali ormai dati per immutabili. Non è importante in questa sede raccontare il film, al quale auguro la maggiore visibilità possibile, ma quello che è davvero importante è il messaggio che Arcand cerca di trasmettere sempre con le sue opere: noi siamo pazzi, viviamo in una società di pazzi che inseguono modelli da pazzi e che hanno perso di vista la propria umanità

Non a caso il protagonista (dottorato in filosofia) all’inizio del film proclama la sua visione dell’intelligenza. Intelligente è chi non arriverà mai al successo perché non è in grado – proprio perché intelligente – di truffare il suo prossimo. Poveracci sono George W. Bush, Tony Blair e Silvio Berlusconi (sì, proprio lui citato), perché sono prigionieri di uno schema che li ha portati a primeggiare in mezzo a un mondo di idioti contenti. Lui contento non è, mentre la sua fidanzata pensa che la felicità venga dai soldi. Ma come dice Aristotele, la Fortuna è collegata alla felicità e lui di soldi si ritrova, casualmente, pieno; ma non per questo la sua vita migliora, anzi. Cerca la prima cosa che ti fanno pensare tu possa avere coi soldi: una bella donna. Chiama così una affascinante escort d’alto bordo che si rivelerà determinante per potere dare corpo ai sogni del protagonista.

“Credere unicamente nel denaro. È questo che ha distrutto gli Stati Uniti!” è il manifesto del film che Arcand fa dire al suo alter ego. E infatti col denaro lui farà altre cose che nessuno di noi probabilmente farebbe. Vogliamo spoilerare? Solo un poco. Il film termina in modo inaspettato per i canoni classici dei film d’azione, con redenzioni e buoni sentimenti a dispetto di ogni Polizia e questo lo rende forse un po’ troppo utopico. Ma quanto sarebbe bella una società così.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Cyrano mon amour, film che danza maturo come un can-can dell’anima e della ragione

next
Articolo Successivo

Joker, cinque cose da sapere sul nemico numero uno di Batman

next