Per più di due ore Facebook, Instagram e Whatsapp – i tre social del gruppo Facebook Inc. di Mark Zuckerberg – non hanno funzionato in diverse parti del mondo. Il “popolo della rete” si è così dedicato a Twitter. Decine di post sotto gli hashtag dedicati: chi ipotizza che i social siano stati attratti dal buco nero, chi rilancia sul ritorno degli sms (“Come negli anni ’90), tornati di moda all’improvviso. La pagina satirica di Osho ironizza su un inverosimile consiglio in romanesco dello stesso Zuckerberg (“Provate a spegne e riaccenne”), l’ex deputato del Pd, Pippo Civati, invita a leggere un libro, mentre c’è chi dà la colpa al vicepremier Luigi Di Maio: “Per sbaglio ha abolito facebook”. Non manca anche chi polemizza sull’eccessivo spazio dato alla notizia del down: “Manco un attentato ricopre tutti gli spazzi di Apple news”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Facebook, Instagram e WhatsApp down: problemi nel funzionamento dei tre social in varie parti del Mondo

prev
Articolo Successivo

Speedgate è il primo sport al mondo generato da un’Intelligenza Artificiale

next