“Tutto in lui era vecchio tranne gli occhi che avevano lo stesso colore del mare ed erano allegri e indomiti”. Chissà se anche gli occhi di Pasquale Di Marco luccicano di allegria ogni volta che si mettono a guardare il mare. C’è da scommetterci, perché questa storia ricorda molto Il Vecchio e il Mare. Protagonista un signore di 92 anni che ha lavorato per una vita nelle miniere del Belgio e che oggi vive le sue giornate seduto davanti al mare, da solo.

“Ogni giorno è un nuovo giorno”, e così Pasquale prende la sua auto e guida per 60 km, 30 all’andata e 30 al ritorno. Partenza da Poggio San Vittorino (Teramo), arrivo a Giulianova. Lì, prende la sua seggiola e si mette a guardare il mare. Pasquale ha incuriosito il giornalista Francesco Marcozzi che ha deciso di raccontare la sua storia. “Ringrazio Dio, che mi dà il questo potere di venire qua. E che mi tiene ancora la mente lucida”, ha detto l’anziano a Radio G Giulianova. La foto, bellissima, di Pasquale, è stata pubblicata sulla pagina Facebook “L’abruzzese fuori sede” e, inutile dirlo, ha ricevuto tantissimi like. “Guardò il mare e capì fino a che punto era solo, adesso. Ma vedeva i prismi nell’acqua scura profonda, e la lenza tesa in avanti e la strana ondulazione della bonaccia. Le nuvole ora si stavano formando sotto l’aliseo e guardando davanti a sé vide un branco di anatre selvatiche stagliarsi nel cielo sull’acqua, poi appannarsi, poi stagliarsi di nuovo; e capì che nessuno era mai solo sul mare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Huawei P Smart+ 2019, lo smartphone da 260 euro che punta tutto sulla fotografia

next