Alzi la mano chi non teme la mancata ricezione di un pacco di prodotti ordinati online. Può anche capitare che qualcuno lo rubi dal pianerottolo, se il destinatario è assente al momento della consegna. Negli Stati Uniti è accaduto con Amazon, in California e in altre città come ad esempio Jersey City, Albuquerque e Aurora. In pratica c’erano dei “ladri del portico”, ossia specialisti del furto di pacchi Amazon, spesso lasciati incustoditi dai corrieri negli ingressi delle villette dei quartieri residenziali.

Peccato che Amazon faccia della puntualità nelle consegne uno dei suoi punti di forza. Per fermare i furti, l’azienda ha cooperato con la Polizia e ha spedito tra novembre e dicembre 2018 dei “pacchi esca” con GPS integrato, in grado di fornire una localizzazione in tempo reale.

Foto: Depositphotos

 

La curiosa vicenda è emersa grazie alla testata giornalistica  Motherboard, entrata in possesso di una serie di documenti intercorsi tra Amazon e il California Police Department di Hayward. L’operazione è stata battezzata “Operation Safe Porch” ed è consistita in un’azione di intercettazione condotta per quattro giorni alla settimana, per 10 ore al giorno. Oltre ai GPS sono scesi in campo sistemi radio e veicoli sotto copertura. Non è chiaro quanti arresti siano stati effettuati e se l’operazione prosegua tuttora, quello che è certo è che Amazon (oltre ai suoi clienti ovviamente) non è disposta a chiudere un occhio.

Anche perché il periodo interessato era quello natalizio, in cui gli ordini si impennano e le consegne devono necessariamente essere puntuali. Secondo le ultime stime di insuranceQuotes.com, proprio in coincidenza con le festività sono stati circa 26 milioni gli americani che hanno subito il furto dei pacchi. Praticamente un cittadino ogni 12.

Foto: Depositphotos

 

Amazon consiglia di farsi consegnare la merce in un luogo presidiato, come l’ufficio, oppure di sfruttare gli Amazon Locker, gli armadietti per il ritiro self service accessibili dalle 8 alle 20, sette giorni su sette, che si aprono con un codice univoco. Intanto dà la caccia ai ladri con il GPS.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Prenotazione dell’hotel online: due siti su tre non proteggono adeguatamente i dati dei clienti

prev
Articolo Successivo

Facebook, Instagram e WhatsApp down: problemi nel funzionamento dei tre social in varie parti del Mondo

next