A 16 anni dalla morte di Pito Pito, il boa constrictor utilizzato da Ilona Staller in arte Cicciolina durante i suoi spettacoli hard, emerge una nuova verità. L’animale non sarebbe stato ucciso da un topo ma a causarne la morte sarebbe stato l’uso improprio fatto dalla pornostar. A lanciare l’accusa è Lorenzo Croce, presidente dell’associazione italiana difesa animali e ambiente, che riporta quanto gli è stato riferito da una gola profonda dell’ex entourage di Riccardo Schicchi, il noto agente delle attrici porno.

“Secondo quanto mi è stato personalmente raccontato da un personaggio che allora conosceva bene i segreti di quel mondo, il boa quando fu messo nella teca era già morto e solo per quel motivo il topo poté rosicare parte del suo corpo”. Parole che contrastano con la ricostruzione dell’accaduto fatta all’epoca dei fatti da Schicchi, che raccontò che quel giorno Pito Pito venne messo nella piramide di cristallo dove avrebbe dovuto cibarsi con un topo invece, inspiegabilmente, fu lui a essere ucciso dal topo, che gli aveva anche mangiato parte della testa.

“Ora purtroppo è tardi per intraprendere una causa per maltrattamento di animali contro la ex pornodiva o comunque contro chi ha messo in quegli anni a repentaglio la vita del serpente – ha spiegato Croce -, ma sicuramente la verità è giusto che venga a galla e questo caso potrebbe essere un volano per i controlli ai serpenti che anche oggi vengono utilizzati nel mondo dello spettacolo, compresi quelli usati nei circhi. La fonte che vuole rimanere rigorosamente anonima – ha concluso – ha confermato anche che la signora Staller non ha mai avuto nessun rapporto sessuale con cavalli o altri equini come per anni si è voluto far credere”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Meghan Markle, il royal baby potrebbe esser già nato: un documento ufficiale di Kensington Palace insinua il dubbio

next
Articolo Successivo

Pamela Anderson difende Julian Assange: “Londra, come hai potuto? Solo un diversivo per la Brexit”

next