Le liti in diretta tv e sui social network tra Giancarlo Magalli e Adriana Volpe sono finite in tribunale, con il conduttore che dovrà rispondere dell‘accusa di diffamazione nei confronti della collega. Proprio per i cattivi rapporti la coppia televisiva era scoppiata e l’azienda di Viale Mazzini aveva scelto di confermare il conduttore a I Fatti Vostri e di spostare la presentatrice romana alla guida di Mezzogiorno in Famiglia con Massimiliano Ossini e Sergio Friscia.

La trasmissione in onda nel weekend di Rai2 però non avrebbe ottenuto la riconferma, con Freccero che vorrebbe proporre telefilm e usare il budget a disposizione per altre fasce più prestigiose. Stiamo parlando di un titolo storico della seconda rete, in onda senza sosta dal 1993 e condotto negli anni da personaggi del calibro di Amadeus, Paola Perego, Barbara D’Urso e Massimo Giletti.

Secondo il settimanale Oggi la chiusura di Mezzogiorno in Famiglia, che ottiene circa il 10% di share, porterà la Volpe in una nuova collocazione ma c’è anche chi non esclude un suo clamoroso ritorno a I Fatti Vostri, ipotesi che Magalli temerebbe parecchio. La notizia è cominciata a circolare velocemente in rete e Magalli ha subito smentito subito e lo ha fatto a modo suo. Il presentatore ha postato sul suo profilo Facebook lo screenshot di un articolo che segnalava il probabile ritorno della Volpe a I Fatti Vostri e ha aggiunto una risata che ha lasciato pochi dubbi: “Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha”. E se non fosse chiaro nei commenti ha aggiunto l’immagine di un cammello e di una corda: “Ecco. E’ più facile…”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pamela Anderson difende Julian Assange: “Londra, come hai potuto? Solo un diversivo per la Brexit”

prev
Articolo Successivo

Kyra Kole, arrestata la soubrette di Ciao Darwin: ha avviato un giro di prostituzione in un centro massaggi

next