Una famiglia neozelandese affitta su Airbnb una casa in Irlanda e, grazie al padre tecnico informatico, scopre che nell’appartamento c’è una telecamera nascosta che registra tutto. A denunciare l’accaduto sono stati gli stessi protagonisti, che hanno denunciato quanto successo alla Cnn: “È stato uno choc, una sensazione davvero orribile”, hanno detto. La casa da loro scelta si trova a Cork: il padre Andrew Barker, che lavora nel settore della sicurezza informatica, appena entrato ha analizzato la rete wifi messa a disposizione degli ospiti e ha scoperto che, connessa a internet, c’era una telecamera che inviava in tempo reale le immagini di tutto ciò che succedeva nel locale.

Così, ha subito avvertito la famiglia e tutti insieme si sono messi a cercare l’obiettivo che riprendeva tutte le mosse degli ignari ospiti. L’hanno trovata all’interno di un finto rilevatore di fumo posizionato sul soffitto. Subito hanno deciso di contattare Airbnb ma “non avevano alcun consiglio da darci”, ha spiegato la moglie Nealie Barker alla Cnn. Così hanno chiamato direttamente il proprietario che però prima ha riattaccato e poi, messo alle strette, ha ammesso la presenza della telecamera, precisando che quella nel soggiorno era l’unica  presente in casa. Non ha rivelato però, se venissero riprese solo le immagini o registrasse anche l’audio e, soprattutto, se il girato fosse in streaming da qualche parte in Rete.

Andrew Barker ha raccontato ancora alla Cnn di non esser stato preso sul serio all’inizio da parte di Airbnb, che solo in seguito ha deciso di avviare un’indagine e sospendere temporaneamente l’iscrizione alla piattaforma del proprietario della casa. Da quel momento i Barker non hanno però ricevuto poi nessuna notizia, salvo poi accorgersi che il profilo (e la casa) dell’uomo erano tornati online.

A quel punto hanno deciso di denunciare la cosa su Facebook e su alcuni giornali locali: solo in quel momento, dice Barker, Airbnb avrebbe deciso di cancellare l’appartamento dalle sue opzioni di alloggio a Cork. “Le politiche di Airbnb proibiscono rigorosamente le telecamere nascoste negli elenchi e prendiamo estremamente seriamente le segnalazioni di qualsiasi violazione – ha spiegato Airbnb -. Abbiamo rimosso definitivamente questo cattivo attore dalla nostra piattaforma. La nostra gestione originale di questo incidente non ha soddisfatto gli alti standard che ci siamo prefissati, e ci siamo scusati con la famiglia e abbiamo rimborsato completamente il loro soggiorno. Ci sono stati oltre mezzo miliardo di arrivi di ospiti negli elenchi di Airbnb fino ad oggi e gli incidenti negativi sono incredibilmente rari”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Michael Jackson, i nipoti lanciano contro-documentario per rispondere alle accuse di abusi in Leaving Neverland

prev
Articolo Successivo

Pamela Prati, è giallo sulle nozze con Mark Caltagirone: “Di lui nessuno sa nulla”. E non è parente della storica famiglia di costruttori”

next