Attesissimo il ritorno di Alessandra Ferri per la prima italiana del pluripremiato Woolf Works, opera di Wayne Mc Gregor al Teatro alla Scala di Milano dal 7 al 20 aprile. Nelle immagini l’Étoile in una sala prove del tempio della danza italiana insieme con il Principal Dancer del Royal Ballet di Londra, il genovese Federico Bonelli e il Corpo di Ballo del Teatro.

L’opera, ispirata ai romanzi della grande scrittrice britannica Virginia Woolf, è presentato per la prima volta in Italia, ma ha avuto, grazie al suo grande impatto emotivo e la sua straordinaria energia, un enorme successo all’estero dove ha portato Wayne McGregor a vincere il Critics’ Circle Award come migliore coreografia classica e il suo secondo Olivier Award come “Best New Dance Production”. Ecco perché è così attesa alla Scala, così come la protagonista, Alessandra Ferri, in uno dei lavori più emozionanti e intensi della sua carriera, che le è valso nel 2016 il suo secondo Olivier Award for “Outstanding Achievement in Dance”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia nigeriana, svelato il rito di affiliazione: “Se tradisco la confraternita un avvoltoio mi strapperà gli occhi”

prev
Articolo Successivo

Pirelli Hangar Bicocca e Fondazione Prada vincono l’Oscar dell’Arte. Al Poldi Pezzoli Any Smith incontra Fornasetti. A MiArt, il quadro più caro della fiera: Le Salon de Dieu dell’amatissimo Matisse valutato 15 milioni di euro

next