“Ho iniziato a fare doppiaggio nel 1979 doppiando i film porno“: a raccontarlo è l’attore Pino Insegno che è intervenuto ai microfoni de “I Lunatici” su Rai Radio2, dove ha raccontato i suoi trascorsi nel mondo del porno. “C’erano quelli, uscivano al cinema, dovevi godere nove ore al giorno senza motivo alcuno, ma pagavano anche bene. Se ce li dessero oggi quei soldi sarebbero più che sufficienti. Ho finto più orgasmi io di centomila donne messe insieme“.

“Il più figo che ho doppiato? Brad Pitt l’ho fatto una volta, ma nell’esercito delle dodici scimmie – ha rivelato Insegno -. Un film bellissimo. Mi affeziono a tutti gli attori che doppio. I comici sono i più faticosi da doppiare. Viggo Mortensen? I talkeniani non volevano farmelo doppiare, nonostante avessi vinto un provino. Dicevano che Pino Insegno, un comico, non poteva doppiare il re degli uomini. Poi sappiamo tutti come è andata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mette Lsd nel caffè dei colleghi: “Erano troppo negativi”

next
Articolo Successivo

Ivano Marino, il tronista di Uomini e Donne condannato a un anno e 2 mesi di carcere: minacciava il nuotatore olimpico Alex Di Giorgio

next