Circa 4 anni fa è stata ultimata una scuola dell’infanzia a Casaletto di Giano, quartiere della periferia ovest di Roma, ma ancora non è stata aperta. “Il progetto è del 1999 – spiega Sara Allevato, presidente del comitato Casaletto di Giano – e i lavori sono stati ultimati nel 2015. Purtroppo non sappiamo perché sia ancora chiusa e non è dato sapere neanche quando verrà aperta. Anche per il prossimo anno non è stato possibile effettuare le iscrizioni dei bambini in questa scuola”. L’immobile potrebbe ospitare tre sezioni da 25 posti l’una, essenziali in un quartiere privo di altre scuole materne ma, al momento, i genitori spesso devono rivolgersi ai nonni o agli istituti privati per far accudire i propri figli. E oltre alle spese sostenute per costruirla, circa 1,7 milioni di euro, ora si dovranno utilizzare altri soldi pubblici per sistemare lo stabile in balia del degrado e dell’abbandono. “Purtroppo – sottolinea Giuliana di Pillo, presidente del municipio di Ostia – in questi anni in quella scuola ci sono stati dei furti importanti. E’ stata rubata la cucina del valore di 70 mila euro, la caldaia, gli interruttori elettrici e altre cose. Dobbiamo ripristinare il tutto e dobbiamo risolvere alcuni aspetti burocratici fondamentali per poter aprire la scuola”. La presidente del municipio di Ostia non si sbilancia sulla data dell’agognata apertura della scuola: “Le promesse le faccio ma solo sull’impegno che posso mettere per poter portare avanti un lavoro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, forze maltesi prendono il controllo del mercantile dirottato che entra in porto a La Valletta

prev
Articolo Successivo

Pavia, maestra d’asilo arrestata: “La devi smettere, la mia mano diventa rossa…”. Le immagini dei maltrattamenti

next