Niccolò Bettarini, il figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini, si è sfogato su Instagram commentando la notizia della scarcerazione di uno dei suoi aggressori: “La giustizia italiana non esiste, è uno schifo”, dice nelle sue Storie. Il gip di Milano Guido Salvini, con un’ordinanza, ha deciso infatti di scarcerare Davide Caddeo, condannato a 9 anni di carcere per averlo accoltellato il 1 luglio scorso fuori da una discoteca di Milano, stabilendo per lui gli arresti domiciliari a causa dei suoi problemi con la droga. “Complimenti, bravi a tutti – ha incalzato Bettarini jr -. Io mi ero ripromesso di non riparlare di questa cosa perché, obiettivamente non mi fa piacere. Non lo faccio per pubblicità o per apparire, str***te e perché non me ne frega nulla”.

“Faccio questa storia perché sono inc****to e a quanto pare fare le storie su Instagram è l’unico modo per arrivare alla gente. Al di là del fatto che si commenta da solo quello che è successo – ha proseguito – Io sono stato zitto in tutti questi mesi, in cui ne sono successe di cose, – ha proseguito – son state dette parole. Però a me non me ne frega un c***o, dico quel che penso. E quel che penso è la giustizia italiana non esiste, è uno schifo, per chi sia figlio chi, figlio di qua, figlio di là, per tutti quanti, per tutti”.

“Soprattutto volevo fare i complimenti al mio avvocato – ha detto ancora Bettarini – dal quale non ho saputo niente per mesi. Ho dovuto sapere tutto attraverso notizie e amici miei. Ci ha abbandonato praticamente dopo l’ultima sentenza. Vi spiego anche perché, non me ne frega un c***o. La signora Alessandra Calabrò voleva che a gennaio io andassi a parlare in un programma chiamato Porta a Porta a elogiarla del lavoro che ha fatto: bel lavoro ha fatto comunque, sì, sì – ha detto ironicamente – Io ho rifiutato perché mi ero promesso, dopo l’ultima sentenza, di non riparlare più di questa cosa. Io avevo detto che la giustizia era stata giusta con me, mi ritenevo fortunato, purtroppo non è più così“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rifiutato dalla ex in diretta a “C’è posta per te”, accoltella il nuovo fidanzato della ragazza: condannato a 8 anni

prev
Articolo Successivo

Misterioso benefattore lascia buste piene di soldi nelle cassette delle lettere di un paesino

next