Da qualche giorno c’è un misterioso benefattore che lascia buste piene di soldi nelle cassette delle lettere di Villaramiel, un paesino di 800 abitanti nel nord della Spagna. Al momento sono una quindicina le persone che hanno detto di aver trovato insieme alla posta delle buste anonime con 50 o 100 euro. Qualcuno l’ha trovata addirittura infilata sotto la porta di casa o nel cestino della bicicletta. Non si sa chi sia questo benefattore né perchè lo faccia: non sembra infatti esserci nessun tipo di legame tra le persone che hanno ricevuto le buste con i soldi né altre indicazioni.

I destinatari delle buste sono molto eterogenei: c’è una vedova che vive con il figlio, una coppia con due bimbi piccoli, due anziani coniugi e una coppi di mezza età senza figli. Qualcuno, meno fortunato, ha invece ricevuto una busta vuota, con all’interno solo questo messaggio: “Sei la principessa della casa”.

L’agenzia di stampa francese Afp, che dà la notizia, ha interpellato la sindaca di Villarramiel, Nuria Simon, che ha confermato tutto e ha spiegato che qualcuno dei destinatari dei soldi li ha portati alla banca locale per accertarsi che le banconote ricevute non fossero contraffate, e non lo sono. Per ora, siccome non sono stati commessi reati, la polizia non si sta occupando della cosa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Niccolò Bettarini, il figlio di Simona Ventura si sfoga: “La giustizia italiana non esiste, è uno schifo”

next
Articolo Successivo

Rita Pavone si scusa per il post contro Greta Thunberg: “Ho fatto una gaffe enorme, non sono una carogna. Non sapevo che avesse la sindrome di Asperger”

next