Manlio Paganella, assessore alla Cultura di Castiglione delle Stiviere (Mantova), si stava difendendo in Consiglio comunale dopo le polemiche nate per la sua partecipazione alla presentazione del libro, di stampo fascista, Compagno mitra, organizzato dall’associazione di estrema destra Progetto Nazionale. Paganella ha attaccato chi lo ha criticato, dicendo “si nasce uomini o eunuchi, si nasce donne fertili o inutili“. Dopo le sue parole, le consigliere del Pd – Graziella Gennai, Cecilia Carattoni e Elena Cantoni – hanno lasciato la sala.

La posizione dell’assessore, ora, è al centro di nuove polemiche, con la richiesta al primo cittadino di centrodestra, Enrico Volpi, di ritirare le deleghe a Paganella: “Le sue parole non sono state opportune – ha detto il sindaco – nei prossimi giorni deciderò cosa fare”.

(Qui per vedere l’intervento completo di Paganella)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni europee 2019, Pd e PiùEuropa correranno separati. Zingaretti: “Faremo due liste aperte alla società civile”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Sala a Salvini: “Rimpatri fermi all’1% dei 600mila promessi. Ministro, ti sei sbagliato?”

next