L’hanno violentata in tre mentre era nell’ascensore della stazione. In lacrime e con i vestiti strappati, una giovane di 24 anni è stata soccorsa poco dopo nella stazione della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano da alcuni passanti: è intervenuta la Polizia di Stato, che sta visionando le immagini della telecamere di sorveglianza per stringere il cerchio intorno agli aggressori. L’episodio – avvenuto questo pomeriggio, nell’ora di punta – riaccende i riflettori sulla questione sicurezza a bordo di una linea tra le più affollate e problematiche della Campania, dove nel 2013 furono addirittura utilizzate per alcuni giorni scorte armate a bordo dei convogli, dove spadroneggiavano vandali e baby gang.

La giovane è stata notata intorno alle 18 mentre piangeva al cellulare raccontando alla madre l’accaduto. È stata ricoverata nell’ospedale Villa Betania, per essere visitata e medicata. È in stato confusionale, alla polizia ha denunciato l’accaduto ma almeno per ora non ha saputo descrivere con precisione né l’aspetto né il numero preciso dei suoi aguzzini; non è chiaro neppure se fossero persone conosciute o meno dalla vittima. A bordo dell’ascensore – che conduce al binario 3 della stazione di San Giorgio – sono in corso i rilievi della scientifica. “Questi vigliacchi saranno presi. Meritano una punizione esemplare. Nessuna pietà”, dice Umberto De Gregorio, presidente dell’Eav, la holding regionale che gestisce la Circumvesuviana. “Il nostro personale e le nostre telecamere sono a disposizione e stanno collaborando attivamente minuto per minuto con le forze dell’ordine”.

La stazione di San Giorgio a Cremano è già finita più volte sotto i riflettori della cronaca: appena un mese fa sono stati ripristinati i murales di Massimo Troisi e Alighiero Noschese, entrambi nati qui, vandalizzati con vernice spray nell’ottobre scorso. E nel marzo scorso a San Giorgio fu bloccata una baby gang di ben 19 ragazzi, tra i 14 e i 16 anni, che si preparava a salire su un treno armata di coltelli, mazze e tirapugni.

Ma è lungo l’elenco degli episodi di teppismo e violenza verificatisi lungo le linee della Circumvesuviana, che collega Napoli con alcune decine di comuni dell’hinterland. Tre anni fa un gruppo di vandali costrinse un capotreno a fermare un convoglio, per poi scendere e bersagliarlo di pietre; pochi giorni prima una passeggera era stata ferita proprio da un lancio di sassi. Il primo maggio 2013 il treno su cui viaggiava l’allora ministro per i beni culturali, Massimo Bray, diretto a Pompei, fu costretto a fermarsi per atti vandalici: episodi che si susseguirono anche nei giorni successivi, tanto da spingere l’Eav a far viaggiare sui treni, per qualche tempo, guardie giurate armate.

(immagine d’archivio)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, anarchici in corteo dopo sgombero dell’asilo: bambole decapitate davanti al negozio del marito di Appendino

prev
Articolo Successivo

Reggio Calabria, via allo sgombero della baraccopoli di San Ferdinando: 600 agenti schierati, “presenti solo 300 migranti”

next