“Ci hanno sgomberato dall’asilo e da un mese ci ritrovano nelle strade. Pensavano che ci avrebbero ridotto al silenzio ma così non è stato. Dopo oggi ci saranno altri appuntamenti per contestare la sindaca. Lo sgombero non passa“. Sono alcuni degli slogan degli anarchici che questo pomeriggio hanno protestato in corteo a Torino contro lo sgombero, il 7 febbraio, dell’asilo occupato di via Alessandria, nel quartiere Aurora e contro la sindaca Chiara Appendino. A piedi e in bicicletta, molti mascherati da Carnevale, hanno passeggiato per le vie del quartiere San Donato, lanciando coriandoli e distribuendo ai passanti volantini dal titolo ‘non è carnevale, la rabbia sale‘, e sostando per due volte davanti al negozio di abbigliamento per bambini gestito dal marito della prima cittadina dove hanno fatto roteare delle teste di bambole mozzate. “La sindaca non dormirà sonni tranquilli, la scorta non le basta“, hanno aggiunto prima di riprendere la il cammino diretti verso piazza Statuto da dove sono partiti nel pomeriggio scandendo slogan ‘Cinque Stelle partito della polizia’

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fiumicino, scritta antisemita al liceo: “Sai che Anna Frank è del Da Vinci?”. La preside non cancella: “Vero, è una di noi”

prev
Articolo Successivo

Napoli, 24enne violentata da tre persone in un ascensore della Circumvesuviana

next