Guardavo il suo poster appeso in camera ogni mattina appena sveglia. Ritagliavo dalle riviste tutte le foto che lo ritraevano e poi le incollavo alle pagine del mio diario, accompagnandole con frasi d’amore struggenti e definitive. “Dylan ti amerò per sempre”“Dylan sei bello da impazzire”…. “Dylan sei mio”.

Il mio primo amore si chiamava Luke Perry, ma per me era semplicemente Dylan di Beverly Hills. Avevo undici anni quando andò in onda la prima puntata di quella che posso definire senza dubbio, la serie tv più bella di sempre: Beverly Hills 902010. Bastava quell’intro di chitarra elettrica della sigla iniziale per farmi battere il cuore e il videoregistratore era sempre pronto a registrare ogni singola puntata su delle videocassette che negli anni ho letteralmente consumato. Allora non c’era internet, non si poteva scaricare, rivedere, condividere. Ogni puntata era un evento unico, un appuntamento immancabile e l’emozione davanti alle vicissitudini di Brandon, Brenda, Kelly, Donna, Steve, David e ovviamente il mio Dylan, era talmente tanta che ancora oggi posso ricordare perfettamente ogni singolo brivido e provarlo ancora, come allora. E so per certo di non essere la sola.

Per questo oggi, noi ragazze degli anni 90 siamo orfane di un pezzo della nostra adolescenza, come se fosse venuto a mancare un parente lontano al quale abbiamo voluto un gran bene e che ci è rimasto sempre nel cuore, un amore di gioventù che ci faceva battere il cuore e tremare le gambe non appena appariva davanti ai nostri occhi. Sembra strano provare una tale tristezza e insieme una gioia è una passione tale per qualcuno che non abbiamo mai realmente conosciuto, ma che ha sempre fatto parte solo della nostra immaginazione. Eppure Luke Perry, col suo bel tenebroso Dylan McKay, è entrato nel nostro cuore e non se n’è più andato. E con lui tutti i personaggi di quella splendida serie tv che ha segnato un’epoca: la nostra.

Ciao Dylan, mio primo grande amore. Ciao Luke e grazie per la tua arte che mi ha regalato un’adolescenza bella come una puntata di Beverly Hills 902010.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fratelli di Crozza, Calenda dopo il lago ghiacciato: “Contenuti politici? Le idee le prendo dal cestone del ‘tutto a 1 euro'”

next
Articolo Successivo

Il Nome della Rosa, ecco perché la fiction di RaiUno rende impossibile e imbarazzante il paragone con il film

next