I servizi di streaming musicale hanno cambiato il nostro modo di fruire la musica. YouTube, Spotify, Vevo e simili hanno sostanzialmente mandato in pensione i compact disc e penalizzato il download di musica a pagamento. Sopravvivono i vinili, grazie ad appassionati e collezionisti. Le informazioni emergono dall’ultimo report RIAA (Recording Industry Association of America, cioè l’Associazione Americana dell’Industria Discografica) che contengono un dato amaro alla vigilia del compleanno del CD, che ricorrerà il prossimo 8 marzo.

In sintesi, nel 2018 i ricavi delle piattaforme musicali in streaming sono cresciuti del 30% e hanno contribuito per il 75% alle entrate totali. Sono inclusi i servizi in abbonamento, quelli con interruzioni pubblicitarie e le radio via Internet. Il numero medio di abbonamenti a pagamento è lievitato del 42%, e i servizi di streaming hanno trasmesso oltre 400 miliardi di canzoni agli ascoltatori statunitensi. La conseguenza è che sono crollati i proventi derivati dai download digitali, ossia le tracce scaricate a pagamento: si parla di un -25% rispetto al 2017, e un -42% dal 2013.

Foto: Depositphotos

 

Ad avere la peggio però sono stati i supporti fisici, in calo del 23% dal 2017. In particolare, il crollo ha interessato i CD, diminuiti del 34%. Del resto questa tendenza arriva da lontano e ha già portato, nel 2018, alla chiusura dell’ultima fabbrica che produceva i CD. Non solo: nell’ultimo aggiornamento del paniere Istat di poche ore fa sono stati depennati i CD vergini (oltre ai DVD) “i cui valori di spesa si sono fortemente ridotti così da renderli non più rappresentativo dei consumi degli Italiani”.

È quindi arrivato il momento di dire addio a una rivoluzione che prese il via nel 1979 e che nel 2007 contava 200 miliardi di unità vendute nel mondo. La discesa iniziò con l’avvento degli MP3 e di piattaforme come Napster, ma è stato lo streaming come lo conosciamo oggi a determinare la fine di un’era. Restano baluardi dei supporti fisici i vinili, grazie allo zoccolo duro di collezionisti e appassionati. Una piccola e simbolica rivincita dell’analogico sul digitale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Cina vietato l’acquisto di biglietti di aerei o treni per 23 milioni di volte per colpa del basso “punteggio sociale”

next
Articolo Successivo

Rainbow Six Siege, le finali mondiali stagionali della Pro League si terranno a Milano il 18 e 19 Maggio

next