Un intero team di soccorritori è intervenuto in Germania per liberare un grosso topo rimasto incastrato in un tombino. La vicenda, diventata in poche ore virale sui social per via del video che ha documentato la sofferenza del povero roditore, è accaduta nella città tedesca di Bensheim. “Aveva un sacco di grasso accumulato sull’addome durante l’inverno. Era bloccato e non poteva andare né avanti né indietro”, ha dichiarato alla Dpa Michael Sehr, esperto di salvataggio di animali che ha partecipato alle operazioni.

A notare l’animale sono stati dei passanti che hanno chiesto l’intervento degli animalisti della Berufstierrettung Rhein Neckar. Per riuscire a liberarlo è stata però necessaria un’operazione di soccorso da parte dei vigili del fuoco volontari di Auerbach, durata ben 25 minuti. In particolare ci sono voluti circa otto pompieri e un esperto di animali per aiutare il topo a tornare alla libertà.

Il video del salvataggio, come le foto del topo con la metà inferiore del corpo incastrata nella grata e la testa che spuntava fuori come per chiedere aiuto, sono stati pubblicati dai volontari dei vigili del fuoco sulla loro pagina Facebook e accolte da un’ondata di commenti positivi degli utenti. E a chi chiedeva se valesse davvero la pena compiere uno sforzo così grande per salvare la vita di un roditore, Sehr ha risposto lapidario: “Persino gli animali odiati da molte persone meritano rispetto“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italo X, il rapper che canta “Io sto con Salvini”: mistero sulla sua identità (e c’è chi spera che sia solo un troll)

next
Articolo Successivo

Elisa Isoardi: “La mia frase su Mahmood? Nessuna polemica, celebravo la bellezza della differenza. Salvini? Mi manca la quotidianità con lui”

next