Se il vostro smartphone è diventato visibilmente più lento del solito, scalda molto e consuma più dati rispetto al passato, potreste avere inconsapevolmente installato il malware DrainerBot. Si tratta di un software dannoso, dietro al quale c’è una sofisticata operazione di frode pubblicitaria. Consiste in un codice dannoso infiltrato dentro ad alcune (legittime e molto popolari) app scaricabili dal Play Store. Una volta installata, l’app infetta “fa girare” annunci video che l’utente non vede da nessun parte. Il malware però ne registra la visualizzazione e la conteggia alla rete pubblicitaria, in modo da farsi pagare profumatamente dall’inserzionista.

L’hanno scoperto da poco i ricercatori Oracle, che hanno pubblicato anche un’utile pagina web con le indicazioni per verificare se si è caduti vittima di DrainerBot e come liberarsene. Innanzi tutto, il malware si annida solo in app Android molto diffuse, che hanno in media oltre 10 milioni di download. Oracle ne cita cinque: Perfect365, VertexClub, Draw Clash of Clans, Touch ‘n’ Beat – Cinema e Solitaire: 4 Seasons (Full).

Immagine: Depositphotos

 

Il campanello d’allarme che deve far nascere sospetti è l’impennata del traffico dati: secondo Oracle le app infette possono consumare più di 10 GB al mese di dati. Inoltre possono scaricare rapidamente una batteria carica, anche se l’app infetta non è in uso e lo smartphone è in modalità di sospensione.

Che cosa fare? Prima di tutto controllate se avete installata una delle cinque app elencate sopra. Poi controllate l’entità del traffico dati. Trovate l’informazione nel menu Impostazioni, seguendo le voci Connessioni/Utilizzo dati/Uso connessione dati. Fate caso alla durata della batteria. Se dopo tutti questi controlli pensate di essere vittime di questa truffa, dovete disinstallare l’app.

Aprite le Impostazioni, selezionate la voce App e notifiche, quindi scorrete l’elenco fino a quando non trovate una delle app incriminate. Selezionatela e premete il pulsante Disinstalla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli iPhone soffrono la concorrenza cinese, nel 2018 c’è stato l’exploit di Huawei

prev
Articolo Successivo

Falla nella sicurezza di WinRAR risolta, esisteva da 19 anni e metteva a rischio 500 milioni di utenti

next