La nuova funzione per la sicurezza di WhatsApp per iPhone non ha fatto in tempo a esordire che spuntano i primi problemi. Lo sblocco con Touch ID o Face ID, mirato a una maggiore tutela della privacy, ha una falla proprio nella sicurezza. Alcuni utenti hanno segnalato il problema, subito riconosciuto da Apple. Un aggiornamento in arrivo sarà risolutivo.

Intanto il problema c’è, e si verifica con la funzione di condivisione. Quando l’app è chiusa, non viene chiesta alcuna autenticazione se si seleziona un’immagine dalla galleria del telefono, si premere il tasto “Condividi”, quindi si spedisce a un destinatario fra i contatti. In teoria, il controllo di identità dovrebbe intervenire e accertarsi che ad effettuare l’operazione sia il legittimo utente, ma nella maggior parte dei casi non accade.

O meglio, avviene solo se nelle impostazioni di accesso all’app tramite Touch ID o Face ID è stato specificato un tempo uguale a “immediatamente” (vedi immagine sopra). Con tutte le altre tempistiche i controlli di sicurezza vengono bypassati. Ecco perché Apple raccomanda “di impostare l’opzione di blocco dello schermo su ‘immediatamente'” in attesa dell’aggiornamento, che sarà distribuito “a breve”.

Se il vostro smartphone non installa automaticamente gli aggiornamenti delle app, consigliamo di tenere d’occhio l’App Store e di installare l’upgrade di WhatsApp non appena sarà pubblicato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

In Australia arrivano le targhe delle auto personalizzate con le emoticons, costano 300 euro

prev
Articolo Successivo

Disney, Nestlé e altre aziende sospendono le pubblicità su YouTube, troppi pedofili online

next