Memore delle continue lamentele del collega, questa volta Bianca Berlinguer ha voluto giocare d’anticipo. Da qualche tempo infatti, il conduttore di Linea Notte, Maurizio Mannoni, apre la sua trasmissione “in guerra” con la Berlinguer e il suo Cartabianca, “colpevoli” di dargli la linea sempre in ritardo. Così nell’ultima puntata, la conduttrice ha deciso di “giocare d’anticipo”, prevedendo le lamentele del collega. Andata in pubblicità a mezzanotte in punto, al rientro in studio la Berlinguer ha subito dato la parola al sondaggista Antonio Noto, avvisandolo dei tempi strettissimi: “Rapidamente, mi raccomando, che sennò qui incombe la tragedia, come sapete. Si contano addirittura i secondi”, ha detto.

Il siparietto ha riguardato poi involontariamente anche Alessandro Giuli. “Devo chiudere, tu lo sai più di tutti”, gli ha detto la Berlinguer ribadendo il concetto. Così, la sigla di Linea Notte è partita alle 00.03 e all’inizio il conduttore non ha avuto nulla a che ridire, salvo poi lasciarsi andare un commento pungente nei confronti dell’ex direttore del Tg3: “Andiamo di corsa. Come ogni martedì cominciamo un po’ in ritardo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Christian Vieri si sposa con Costanza Caracciolo: la data delle nozze è top secret

prev
Articolo Successivo

Marcella Bella attacca Orietta Berti: “È una finta buonista ma col cavolo che è buona”

next