Che fine ha fatto Adrian? Mediaset e il Clan Celentano lo scorso 6 febbraio avevano fatto sapere che “Adriano Celentano, a causa di un malanno di stagione, non potrà dirigere Aspettando Adrian e Adrian la serie per almeno due settimane”. Una sospensione della messa in onda che per i malpensanti era dovuta per evitare la sfida diretta con il colosso “Il Commissario Montalabano“, un confronto che avrebbe reso ancora più visibile la debacle del cartone animato e dello show con, anche sarebbe meglio dire senza, il Molleggiato.

“Siamo molto contenti, fare 4,5 milioni di media con un cartoon è un risultato eccezionale. Fare dieci milioni di contatti è stato un successo clamoroso. Il resto sono chiacchiere”, aveva commentato il direttore di Canale 5 Giancarlo Scheri dopo un debutto comunque positivo intorno al 20% di share. Gli ascolti sono crollati con il passare delle puntate fino a toccare un tragico 7,7%. Dopo lo stop alla messa in onda per l’influenza del cantante, Adrian tornerà regolarmente su Canale 5?

In realtà, come rivela Francesco Canino di Panorama, al momento non sarebbe previsto nei palinsesti lunedì 25 febbraio e nemmeno per il prossimo 4 marzo. Non solo, il prodotto non risulta programmato in altri giorni della settimana. Al momento al suo posto nel palinsesto di Canale 5, aggiunge lo stesso sito, sarebbe previsto “Cado dalle nubi“, pellicola plurireplicata di Checco Zalone che avrà l’ingrato compito di sfidare “La stagione della caccia“, film tv in prima visione tratto dall’omonimo romanzo di Andrea Camilleri.

Siamo di fronte all’ennesimo slittamento oppure Mediaset ha scelto la strada della cancellazione dopo il flop di ascolti? “Non è una sospensione definitiva. Quando Adriano starà meglio ripartirà la messa in onda”, precisano a Panorama.it alcune persone legate indirettamente al Clan Celentano. Il Biscione al momento non fornisce commenti, si lecca le ferite pensando ai bassi ascolti e ai costi di Adrian, ricordiamo superiori ai venti milioni di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nicolò Zaniolo sbotta contro le Iene: “Mia mamma al Grande Fratello? Proprio no!”

next
Articolo Successivo

Montalbano, il commissario rende omaggio al dottor Pasquano: “Uno dei momenti più commoventi”

next