È da qualche tempo che è evidente che il vero pericolo che incombe sul pianeta non è la rielezione di Donald Trump, né la Brexit senza accordo, e tantomeno il trionfo di un nuovo schieramento di destra nelle elezioni del parlamento europeo, ma il clima. Di certo gli squilibri climatici già mietono vittime a livello mondiale, quanti dei
cadaveri sul fondo del mediterraneo appartenevano a realtà agricole spazzate via dal surriscaldamento del pianeta? Il clima ammazza molta più gente fuori dei confini della Corea del Nord di Kim Jong-un, il nemico numero uno del pianeta secondo la narrativa globale che vuole farci credere che bisogna avere più paura di lui che della siccità decennale nei Paesi del sub-Sahara.

Gli unici che sembrano capire cosa sta succedendo sono gli adolescenti, forse perché saranno loro a dover combattere da adulti con un pianeta dal clima sempre più ostile e nemico. Venerdì scorso c’è stata la prima grande manifestazione di adolescenti nel Regno Unito. Invece di andare a scuola gli studenti hanno marciato in 60 città, dalla Cornovaglia alle Highlands scozzesi.

Il movimento Youth Strike 4 Climate ha quattro richieste fondamentali: il governo deve dichiarare l’emergenza climatica; informare il pubblico sulla gravità della situazione climatica; riformare il curriculum scolastico nazionale per includere la crisi ecologica; abbassare l’età del voto a 16 anni.

Youth Strike 4 Climate si ispira alla mobilitazione dell’adolescente Greta Thunberg, una sedicenne studentessa svedese, che dallo scorso agosto protesta ogni venerdì fuori dal parlamento svedese. Da allora, decine di migliaia di bambini e adolescenti in Belgio, Germania, Svezia, Svizzera e Australia sono scesi in piazza pacificamente. In Belgio, sede dell’Unione Europea, migliaia di studenti scioperano da almeno quattro settimane con uno slogan ormai famoso rivolto ai politici: “Farò i compiti quando tu farai il tuo”. Più di 3.000 scienziati hanno aderito e sostenuto gli scioperi tanto che il governo belga ne ha dovuto prendere atto. Il ministro per l’ambiente è stato costretto a dimettersi dopo aver falsamente affermato che i servizi di intelligence del Paese avevano la prova che i bambini che scioperavano erano teleguidati da poteri occulti. L’accusa è stata subito contraddetta dai capi dell’intelligence.

Anche la Svizzera è stata teatro di alcune delle più grandi manifestazioni di scolari. Gli attivisti locali hanno affermato che 23.000 persone hanno aderito allo sciopero dello scorso 18 gennaio e 65.000 a quello del 2 febbraio. Le più grandi manifestazioni, però, sono state quelle di venerdì scorso a Londra, a Brighton, a Oxford ed a Exeter.

In meno di un anno, Greta Thunberg ha dato vita a un movimento globale non indifferente. A dicembre, ha parlato alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite, rimproverando i leader mondiali ed accusandoli di comportarsi come bambini irresponsabili. Il mese scorso, ha usato parole altrettanto dure per l’élite mondiale a Davos. “Alcune persone, alcune aziende, alcuni leader in particolare, hanno saputo esattamente quali valori inestimabili hanno sacrificato per continuare a guadagnare somme di denaro inimmaginabili. E penso che molti di voi qui oggi appartengano a quel gruppo di persone”.

Il prossimo appuntamento globale sarà il 15 marzo. Le richieste sono in linea con quelle del Youth Strike 4 Climate: dichiarazione immediata dello stato di emergenza climatica, introduzione di politiche energetico di zero-carbonio entro il 2030 senza geo-ingegneria e, se necessario, allontanamento o abbandono dell’attuale sistema economico. I giovanissimi attivisti ci tengono a chiarire che il problema è sistemico piuttosto che una questione di scelte di vita individuali. Hanno perfettamente ragione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, il Regno Unito ci insegna che il sovranismo è il fallimento della democrazia

next
Articolo Successivo

Le notizie sono diventate noiose

next