L’Intelligenza Artificiale (AI) mette il camice da pediatra: ha imparato a riconoscere e diagnosticare le malattie più comuni nei piccoli pazienti, grazie ad apprendimento automatico e Big Data. Il nuovo modello, pubblicato sulla rivista Nature Medicine da ricercatori dell’Università Medica di Guangzhou (Cina), dell’Università della California a San Diego e della Yitu Technology di Guangzhou, dimostra che i sistemi basati sull’AI potrebbero lavorare a fianco dei medici, aiutandoli a esaminare grandi quantità di dati e supportandoli nella diagnosi.

Il nuovo sistema è stato addestrato e messo a punto su più di 100 milioni di dati provenienti da oltre 1 milione e 300.000 visite pediatriche fatte a Guangzhou. L’Intelligenza Artificiale è stata in grado di identificare le informazioni più importanti dal punto di vista clinico e di stabilire associazioni che altri metodi statistici non hanno rilevato. Inoltre il modello ha dimostrato un livello di accuratezza molto elevato quando messo a confronto con pediatri in carne ed ossa.

Il sistema basato sull’AI si è comportato molto bene soprattutto nel riconoscere due importanti categorie di malattie: quelle molto comuni, come influenza e malattia mani-piedi-bocca – che causa eruzioni cutanee concentrate in queste aree – e quelle più pericolose, come attacco di asma acuto e meningite. Gli autori dello studio sostengono che il loro modello potrebbe rivelarsi molto utile negli ospedali, ad esempio effettuando un esame preliminare dei pazienti in attesa e dividendoli a seconda della gravità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Melanoma, “scoperto un enzima che impedisce la formazione del tumore”

prev
Articolo Successivo

DarwinDay, il mondo celebra lo scienziato della teoria dell’evoluzione pronta a entrare nell’era 2.0

next