Seguire le indicazioni di Google Maps mentre ci si muove a piedi potrebbe presto diventare più semplice. Merito di una funzione di Realtà Aumentata a cui il colosso hi-tech sta lavorando da tempo. Non è ancora disponibile sui dispositivi dei consumatori, ma il prestigioso quotidiano statunitense The Wall Street Journal ha avuto modo di testarne una versione non definitiva, dando un’idea di massima di come potrebbe essere.

Si tratta di una funzione inedita della classica app di navigazione Google Maps, che combina le mappe tradizionali con l’Intelligenza Artificiale, la Realtà Aumentata e la fotocamera dello smartphone per aiutare i pedoni a capire meglio dove devono andare. I dati provenienti dalla fotocamera vengono incrociati con quelli della posizione GPS dell’utente per stabilire dove si trova esattamente. Cosa che non è sempre semplice in città quando si è circondati da edifici alti che ostacolano i segnali GPS. La mappa di Google Street View (quella che dà la visuale della strada con immagini reali) appare sullo schermo con segnali visivi sovrapposti (per esempio delle frecce vistose).

All’atto pratico, mentre si cammina basta alzare il telefono e inquadrare ciò che si ha di fronte per beneficiare delle funzioni aggiuntive. Lo schermo si divide automaticamente in due parti: sotto la classica app con la cartina, sopra le immagini con le indicazioni grafiche sul percorso da seguire. Con la stessa tecnologia vengono indicate anche attività commerciali.

Il servizio è ideato solo per i pedoni. Google sembra avere pensato a tutto, anche allo stress delle batterie degli smartphone. La funzione infatti si attiverà automaticamente alzando il telefono, e allo stesso modo si spegnerà abbassandolo. C’è anche un problema di sicurezza: i pedoni potrebbero distrarsi troppo, inciampare, cadere, essere investiti. Per rimediare Google ha inserito dei messaggi in cui invita a prestare attenzione al semaforo o a guardare bene la strada prima di attraversare sulle strisce pedonali.

L’idea sembra interessante, ma non si sa ancora quando sarà disponibile al grande pubblico. Secondo le fonti alcuni aspetti dell’interfaccia utente devono ancora essere perfezionati. Terminata l’attesa, per beneficiare delle indicazioni di Realtà Aumentata basterà avviare l’app Google Maps sul proprio smartphone e attivare l’opzione “Start AR”. Non vediamo l’ora.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Xiaomi Mi Mix 3 è uno smartphone veloce e con buona autonomia, ma pecca di immediatezza per l’uso del meccanismo a slitta

prev
Articolo Successivo

Rifugi automatizzati per gatti randagi, l’Intelligenza Artificiale li riconosce e segnala se sono malati

next