Non voleva interrompere la gravidanza e così il fidanzato si è vendicato, investendola. Il fatto è avvenuto a San Martino Siccomario, in provincia di Pavia. Vittima una ragazza di 23 anni di origine marocchina, incinta di due gemelli. La giovane è stata subito soccorsa e trasportata al Policlinico San Matteo dove i medici hanno escluso complicanze per la gravidanza, giudicandola guaribile in 30 giorni. Il ragazzo, un connazionale di 30 anni, è stato fermato con l’accusa dei reati di tentato omicidio e tentata interruzione di gravidanza.

Secondo quanto ricostruito, la giovane mercoledì pomeriggio è tornata nell’appartamento in cui viveva con il fidanzato, che aveva lasciato dopo l’ennesima litigata per prendere alcuni vestiti e i propri effetti personali. Una volta uscita è andata verso la pensilina per prendere l’autobus. Lì il 30enne l’ha raggiunta con l’auto, investendola. Inizialmente sembrava si trattasse di un incidente, poi è stata la stessa 23enne a raccontare l’episodio e il movente del mancato aborto.

“Siamo andati in ospedale, abbiamo verbalizzato il racconto della ragazza e atteso che l’uomo si facesse vedere – ha spiegato Francesco Garcea, capo della squadra mobile della Questura di Pavia – Lo abbiamo arrestato quasi in flagranza di reato”. Ora il ragazzo nordafricano si trova nel carcere di Torre del Gallo, in attesa di convalida del fermo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, 20enne trovato morto assiderato sul confine Italia-Francia: il cadavere era sepolto dalla neve

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, iniziata la demolizione: smontato segmento di 40 metri. Toninelli: “Se manutenuto non avremmo 43 morti”

next