Nell’ultimo anno “numerosi sono stati gli incendi dolosi in danno di impianti formalmente autorizzati e di capannoni industriali dismessi, ma ‘stipati’ in modo clandestino di migliaia di tonnellate di rifiuti, in parte provenienti dalla Campania” e la “portata del fenomeno, che interessa tutte le regioni settentrionali, lascia ipotizzare la presenza di un’unica regia”. L’ipotesi dietro i numerosi incendi che si sono verificati in Lombardia nell’ultimo è avanzata dal procuratore generale di Milano Roberto Alfonso nell’intervento che ha tenuto durante l’inaugurazione dell’Anno giudiziario.

Nella sua relazione, Alfonso parla anche quest’anno dei risultati ottenuti nel contrasto alla criminalità organizzata, e soprattutto alla ‘ndrangheta, ma si concentra in particolare sull’aumento “esponenziale dei segnali indicatori di attività illecite nel settore dello smaltimento dei rifiuti”, parlando dei molti incendi dolosi degli ultimi mesi in Lombardia, tra cui anche quello di una capannone alla Bovisasca, periferia nord di Milano, con i fumi che hanno raggiunto anche il centro città, lo scorso ottobre. Il maxi-rogo fu il 18esimo registrato nel 2018 in Lombardia.

Alfonso mette in luce l’ipotesi di una “unica regia, la cui individuazione passa attraverso l’avvertito coordinamento investigativo tra le Direzioni Distrettuali Antimafia del Nord, le Direzioni Distrettuali Antimafia di Napoli, di Salerno e di quelle della Calabria”. Il capo della Procura generale, inoltre, sottolinea anche quest’anno “l’importanza strategica del ‘capitale sociale’ delle organizzazioni criminali di stampo mafioso, rappresentato dalla loro rete relazionale che comprende imprenditori, professionisti, pubblici funzionari, appartenenti alle forze dell’ordine e politici e che costituisce il principale asset”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prescrizione, Bonafede: “Processo giusto non deve pregiudicare accertamento verità. Riforma in vigore nel 2020”

prev
Articolo Successivo

Bonafede: ‘Assumiamo 360 magistrati e 3000 unità di personale amministrativo. Presto riforma per snellire processo civile’

next