Era stato espulso dal Movimento 5 Stelle perché, secondo i vertici grillini, non avrebbe dichiarato “la sua pregressa militanza all’interno del partito politico Italia dei Valori” al momento della candidatura alle primarie online per la scelta dei candidati consiglieri in Campidoglio nel 2016. Ma la XVI sezione civile del Tribunale di Roma, in una sentenza emessa lo scorso 21 gennaio dal giudice Guido Romano ha stabilito che l’espulsione di Mario Canino è ‘nulla’. E ha condannato l’Associazione Movimento 5 Stelle del 2009 e quella del 2012 (entrambe ‘presiedute’ da Grillo) a versare circa 22mila euro a Canino come rimborso per le spese di lite. Canino, prima di essere escluso dalla corsa, aveva ottenuto 124 preferenze.

Come si legge nella sentenza, il Tribunale “ritiene che, sia ai fini dell’iscrizione al movimento politico che ai fini della partecipazione alla procedura di selezione dei candidati alla carica di consigliere comunale di Roma Capitale, non era richiesto, dal ‘Non Statuto’ e dal bando, il presupposto di non avere ‘mai’ partecipato ad altri movimenti o partiti politici, ma esclusivamente l’attestazione di non essere – evidentemente, all’attualità – iscritto a detti movimenti e partiti all’atto della candidatura“.

Per Lorenzo Borrè, legale di Canino, “la sentenza ha valenza politica perché conferma la illegittima mattanza di candidati avvenuta in occasione delle comunali romane, senza che alcuno battesse ciglio”. Annullando l’espulsione di Canino il Tribunale “condanna la convenuta, Associazione MoVimento 5 Stelle, costituita nel 2009, e la intervenuta, dell’Associazione Associazione Movimento 5 Stelle costituita nel 2012 (cf. 95162920102), in solido tra loro, alla refusione, in favore di parte attrice, delle spese della presente procedura che liquida in complessivi euro. 15.600,00, di cui euro. 15.000,00 per compensi ed euro. 600,00 per esborsi oltre rimborso forfetario per spese generali, iva e cap come per legge”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Varese, omicidio di Marilena Rosa Re: Vito Clericò condannato all’ergastolo

prev
Articolo Successivo

Legge Severino , Consulta: “Legittima la sospensione degli eletti negli enti locali, anche con condanna non definitiva”

next