Intorno alle 18.30 di venerdì scorso, un ragazzo di 25 anni ha suonato al campanello della sua padrona di casa, un’anziana signora di 76 anni. Il giovane però, non era lì per pagarle l’affitto e neppure per chiederle in prestito dello zucchero: quando la donna ha aperto la porta infatti, lui era completamente nudo e, come se niente fosse, le ha detto che era solo in casa e le ha proposto di andare con lui nel suo appartamento per vedere insieme un film porno. 

A riferire questa storia accaduta in una palazzina della zona di via Sacramora, a Rimini, è Il Resto del Carlino, che spiega come all’inizio la donna avesse pensato di aver capito male. Così gli ha chiesto di ripetere, sperando di essersi sbagliata. Ma il ragazzo, di origine romena, le ha confermato che sarebbe stato felice di vedere il film a luci rosse insieme a lei. Interdetta, la donna ha mormorato un rifiuto e si è chiusa la porta dietro le spalle. Ma non è finita qui. La donna infatti, dopo avergli chiuso la porta in faccia, è scesa con una scusa nell’androne del palazzo e, quando è risalita, si è trovata di fronte il ragazzo che, completamente nudo, si masturbava tranquillamente davanti a lei.

Sotto choc, la 76enne gli ha urlato dietro qualcosa ed è corsa in casa come un fulmine. Una volta al sicuro, la donna ha chiamato la figlia che le ha consigliato di chiamare subito la polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno chiesto spiegazioni al ragazzo, il quale non ha fornito grandi giustificazioni al suo gesto, e ha incassato senza fiatare la denuncia per atti osceni ma non è chiaro se abbia o meno ricevuto lo sfratto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incinta a 24 anni, il fidanzato la tradisce: per vendetta lei gli vende l’Xbox a 3 euro

prev
Articolo Successivo

Meghan Markle “aveva un profilo Instagram segreto e lo ha chiuso perché aveva paura dei trolls”

next