Un bicchiere d’acqua che gli serviva per prendere una compressa di medicinale. Per questo un uomo di 28 anni è entrato in un bar di Castrignano del Capo (Lecce) solo al posto dell’acqua gli è stato servito del brillantante per lavastoviglie. Ora il ragazzo si trova ricoverato in ospedale in prognosi riservata nel reparto di rianimazione e le sue condizioni sono gravissime.

I sanitari hanno dovuto asportargli parte dello stomaco a causa dell’acido ingerito. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Tricase che hanno avviato le attività di polizia giudiziaria ascoltando le persone presenti, due baristi e il titolare, e visionando le immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza. In questo modo hanno potuto ricostruire l’accaduto. Poco prima del tragico incidente, erano in corso operazioni di ricarica e di manutenzione della lavastoviglie e uno dei baristi ha svuotato una bottiglia di acqua e l’ha riempita di brillantante utilizzato per l’elettrodomestico appoggiandola sul bancone. Ecco che a quel punto al ragazzo è stato servito il liquido e anche se la quantità non era eccessiva è bastata a provocare un effetto devastante.

Sul posto sono intervenuti oggi i carabinieri del Nucleo Antisofistazioni sanitarie il personale del Dipartimento di Prevenzione Sanitaria alimentare della Asl di Maglie. Presto potrebbe essere emesso un provvedimento amministrativo anche molto pesante nei confronti dell’esercizio commerciale. I carabinieri indagano con l’ipotesi di reato di lesioni personali colpose gravissime che è perseguibile di ufficio.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, gommone affondato al largo della Libia. I tre sopravvissuti all’Oim: “Eravamo in 120”. Nessun superstite

prev
Articolo Successivo

Torino, rissa tra ultras prima del derby del 15 dicembre: otto denunciati. Nei video lanci di sedie e cinture

next