Marco Rizzini è giovane, pieno d’entusiasmo e di energie, iscritto all’ordine dei giornalisti. Gli piace parlare, fantasticare e bere qualche bicchiere di vodka con gli amici. Ama soprattutto viaggiare. Non viaggi comodi, ma faticosi, impegnativi: Pakistan, Iran, Corea del Nord, Abcasia. A un certo punto decide, con Leonardo e Federico, di affrontare un viaggio di 12mila chilometri a bordo di una vecchia Panda degli anni 80 rimessa a nuovo per l’occasione: partito dalla sua città, Verona, attraversa Balcani, Turchia, Georgia, Azerbaigian, Kazakistan, Uzbekistan e dopo aver percorso anche l’immane vastità della Federazione russa approda a Mosca.

Tutto questo ce lo racconta in Panda o morte (Ediciclo 2018), che si legge d’un fiato e senza fiato spesso lascia. Ma perché la Panda, e perché questo viaggio? La Panda perché è una macchina semplice da aggiustare quando ci si trova in posti lontani e si rimane privi di mezzi e perché è “indistruttibile e solida come un carro armato”; il viaggio in automobile perché si vuol conoscere de visu e da vicino persone e culture con alle spalle una grande storia, e che, sia pure con occhio e atteggiamento differente, guardano, come noi, al futuro. L’autore lo dice con parole scolpite: “Se il mio sogno era andare fino in Uzbekistan via terra, era perché desideravo conoscere le genti del posto, non trovarmi un amico di penna canadese o australiano”. 

Il viaggio è faticoso, talvolta pericoloso, sempre entusiasmante. Rizzini si licenzia dal lavoro e, senza ansia, corre verso l’ignoto. Il racconto è coinvolgente. Con pochi tratti, spesso con una sola immagine, dipinge il senso di secoli onusti di storia e diversità. Come quando descrive il passaggio fra Turchia e Georgia, dove l’occhio scorge, accostate sul confine, una moschea nella prima, la croce illuminata di una chiesina nella seconda: due costruzioni, due simboli di mondi distanti e vicinissimi. E poi ci racconta i vestiti, i volti di gente povera ma dignitosa, i sorrisi dei bambini, gli occhi vellutati delle ragazze. Ma anche il caldo implacabile in macchina con i finestrini chiusi per via della polvere, le buche tormentose e perigliose schivate talvolta per miracolo, il brivido che assale al calare del crepuscolo. E intanto, nella lontananza di terre affascinanti e sconosciute, emergono i simboli della penetrazione occidentale: l’inglese stentato ma ostentato di una ragazza in Uzbekistan, la coca-cola a disposizione, le canzoni di Al Bano. Una pagina impressionante descrive il viaggio verso il lago d’Aral, ormai prosciugato, e della sabbia nella quale la Panda affonda, fermata quasi da un Moloch: “La tensione stava prendendo il sopravvento sulla lucidità. Il sole vince sulla ragione facendoti sognare miraggi, oasi e pozzi d’acqua”.

E poi il silenzio di Bukhara, le bellezze di Samarcanda, il racconto intenso, commoventissimo, della ricerca della tomba di Wladysław, il bisnonno polacco, oppostosi all’occupazione russa e perseguitato nei gulag. Rizzini la trova in Uzbekistan, in un piccolo cimitero ai margini di una strada: scatta una foto da portare al nonno Julian per riannodare finalmente il filo di una memoria dolorosa, vissuta ancor oggi nella sua inestinguibile attualità. Al nonno e alla nonna il libro è dedicato. E non è un fatto secondario. In tutto il racconto c’è un profondo rispetto per gli anziani che l’autore incontra nel suo cammino: è un modo per riconquistare la storia, per sottolineare il valore delle radici, per comprendere fino in fondo chi si è e dove si va. Tutto il libro è intessuto di rapporti e scambi fra generazioni. Anche se non esplicitamente raccontati, essi affiorano da una singola frase, da un pensiero, da un’osservazione. Qui non c’è scontro fra giovani e vecchi, ma dolcezza del ricordo, passaggio del testimone, speranza per l’avvenire.

Arrivato a Mosca, Rizzini torna di corsa in Italia e questa volta in aereo: sta per nascere la nipotina e lui vuole esserci. I lettori festeggeranno con lui, ma rimangono privati della descrizione di Mosca. Questa città di 12 milioni di abitanti, capitale di un impero sconfinato, straordinaria per cultura e arte (molta importata anche dall’Italia), piena di luci, colori, negozi sfavillanti, teatri sontuosi, metropolitane sbalorditive, affollata di gente indaffarata ma non nevrotica, oggi ha tanto da dirci e da insegnarci. Gli eventi storici del Novecento hanno ostacolato, fino agli anni 90, la conoscenza reciproca approfondita e cordiale fra l’Unione Sovietica e l’Europa occidentale. Ora la situazione è mutata. L’Unione Sovietica si è dissolta: lo scambio fra Occidente e Russia è necessario, e andrà viepiù intensificato. Ne scaturirà una maggiore consapevolezza politico-sociale da ambo le parti, e una più affinata comprensione del mondo in cui tutti dobbiamo vivere per progettare il futuro. Attendiamo perciò che Rizzini, con un prossimo viaggio, ci racconti le bellezze, gli incanti, i dolori, i patimenti, le gioie della Russia odierna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Severino Saltarelli mi ha donato la sua voce. E io ho scritto una poesia per lui

next