Se state usando un computer con il sistema operativo Windows 7, sappiate che fra un anno – esattamente il 14 gennaio 2020 – Microsoft smetterà di supportarlo. Questo significa che Microsoft non pubblicherà più alcun aggiornamento di sicurezza e non sarà più attivo il supporto per i clienti.

Windows 7 del resto è un sistema operativo ormai datato, che Microsoft pubblicò nel lontano 2009. Nel frattempo sono state rilasciate versioni più moderne, di cui l’ultima, Windows 10, costantemente aggiornata. La “data di scadenza” di questo sistema era nota da tempo. Dal 2015, come prassi in casa Microsoft, venivano ormai pubblicati solo gli aggiornamenti di sicurezza, ma non quelli funzionali, ossia non venivano rilasciate nuove funzioni.

Foto: Depositphotos

 

Come spiegato chiaramente sul sito ufficiale, “ogni prodotto Windows ha un ciclo di vita. Il ciclo di vita ha inizio quando il prodotto viene rilasciato sul mercato e termina quando non è più supportato”. La cosa più sensata da fare in vista della fine del supporto è aggiornare il sistema operativo a una versione più recente, meglio se Windows 10. Il successore di Windows 7, Windows 8.1, si troverà infatti nella stessa situazione il 10 gennaio 2023.

Continuare a usare un sistema non più supportato comporta dei rischi per la sicurezza non indifferenti, a cominciare dall’elevata esposizione a malware e virus. Come noto, infatti, la maggior parte dei virus passa per il web. Certo, per scansare con certezza il pericolo si potrebbe scollegare il computer da Internet, ma avrebbe poco senso in un’epoca in cui la stragrande maggioranza dei contenuti risiede online. Se proprio non potete aggiornare il sistema, meglio installare un buon antivirus, che non elimina tutti i rischi ma può comunque ridurre l’impatto di alcuni tipi di attacco. Inoltre, è consigliabile navigare su Internet con cautela, ossia evitando i siti più a rischio e quelli su cui si trattano dati sensibili, come le pagine di home banking o la contabilità aziendale. Attività di questo tipo vanno svolte su un computer sicuro e adeguatamente protetto e aggiornato.

Se finora la decisione di cambiare PC o di aggiornarlo poteva essere procrastinata, adesso il tempo stringe. Se avete bisogno di consigli, sul sito Microsoft ci sono le risposte alle domande più frequenti sul da farsi in questi casi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pedalare sulla cyclette con VR Bike di NordicTrack e il visore HTC: vi sembrerà di volare!

prev
Articolo Successivo

Recensione dello smartphone Huawei P Smart 2019: prezzo, autonomia e design buoni, prestazioni migliorabili

next