Una serata con gli amici, qualche drink. Sabato sera, F.S è uscita per divertirsi ma poco dopo aver bevuto in un bar in piazza delle Gardenie, zona Centocelle, è stata colta da una crisi respiratoria ed è morta senza che gli amici riuscissero a rianimarla. A dare la notizia è Il Messaggero. F.S, 16enne e promessa del beach volley romano, era allergica ad alcuni prodotti, in particolare al lattosio. A causare la morte, sono stati infatti alcuni cocktail (shottini) a base di rum o whiskey e creme.

Stando alla ricostruzione della serata sembra che la ragazza avesse avvertito i due baristi che l’hanno servita ma a nulla è servito: i drink contenevano qualche sostanza che ha provocato lo choc anafilattico e successivamente, la morte. E’ stata aperta un’inchiesta dal pm Clara De Cecilia e dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia: nel registro degli indagati sono stati iscritti i due baristi. Secondo il racconto di un’amica di F., la ragazza avrebbe espressamente chiesto se nelle bevande ci fosse una qualche traccia di latte vaccino ma alla risposta “solo latte di cocco” si era rasserenata e ha bevuto due drink. Sotto sequestro le bevande, che sembra non siano state confezionate in Italia. Ora si attendono i risultati dell’autopsia per capire se quella di F. sia una morte che poteva essere evitata.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Siamo rovinati. Non ci resta che vendere la mozzarella contaminata di Caserta”. Alessandro Gassmann e Marco Giallini fanno imbufalire i produttori campani

next
Articolo Successivo

Elisa Isoardi, tra i regali di Natale ne spunta uno “legato” a Salvini (mentre le polemiche sulla presunta “promozione” di lei a La Vita in Diretta non si placano)

next