Una serata con gli amici, qualche drink. Sabato sera, F.S è uscita per divertirsi ma poco dopo aver bevuto in un bar in piazza delle Gardenie, zona Centocelle, è stata colta da una crisi respiratoria ed è morta senza che gli amici riuscissero a rianimarla. A dare la notizia è Il Messaggero. F.S, 16enne e promessa del beach volley romano, era allergica ad alcuni prodotti, in particolare al lattosio. A causare la morte, sono stati infatti alcuni cocktail (shottini) a base di rum o whiskey e creme.

Stando alla ricostruzione della serata sembra che la ragazza avesse avvertito i due baristi che l’hanno servita ma a nulla è servito: i drink contenevano qualche sostanza che ha provocato lo choc anafilattico e successivamente, la morte. E’ stata aperta un’inchiesta dal pm Clara De Cecilia e dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia: nel registro degli indagati sono stati iscritti i due baristi. Secondo il racconto di un’amica di F., la ragazza avrebbe espressamente chiesto se nelle bevande ci fosse una qualche traccia di latte vaccino ma alla risposta “solo latte di cocco” si era rasserenata e ha bevuto due drink. Sotto sequestro le bevande, che sembra non siano state confezionate in Italia. Ora si attendono i risultati dell’autopsia per capire se quella di F. sia una morte che poteva essere evitata.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Siamo rovinati. Non ci resta che vendere la mozzarella contaminata di Caserta”. Alessandro Gassmann e Marco Giallini fanno imbufalire i produttori campani

prev
Articolo Successivo

Elisa Isoardi, tra i regali di Natale ne spunta uno “legato” a Salvini (mentre le polemiche sulla presunta “promozione” di lei a La Vita in Diretta non si placano)

next