Nel ventesimo anniversario della morte di Fabrizio De André, Genova celebra il proprio cantautore simbolo. Centinaia di persone si sono ritrovate da tutta Italia e hanno trascorso ore in coda per assistere a “Il mio Fabrizio”, una collezione di ricordi di chi ha amato e conosciuto Faber in vita. Nella sala del maggior consiglio di Palazzo Ducale hanno portato una testimonianza l’ex moglie Dori Ghezzi, il figlio Cristiano, l’amico e cantautore Gino Paoli, oltre a Fabio Fazio, Neri Marcorè e Morgan. Alla fine dell’incontro, l’ex frontman dei New Trolls Vittorio de Scalzi, Marcorè e Mauro Pagani hanno improvvisato sulle note di Crêuza de mä, uno dei maggiori successi di De Andrè.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hermann Nitsch a Mantova, animalisti all’attacco per opere con carcasse e sangue. La replica: “Artista tra più quotati”

next
Articolo Successivo

Murakami compie 70 anni. E ancora nessuno sa decifrare il mistero della sua scrittura

next