Roma.
Ci sono i poveri.
Ci sono i ricchi.
C’è il Messico.
Tutto in bianco e nero.
Anche il mare.

Poi c’è la tragedia. In agguato. Sempre.

No, Roma non c’è.
Come no?
No.
E allora perché si intitola Roma?
Cercatelo su Google, così vi fate una cultura anche sul 10 giugno 1971.
Anni di merda veramente.

E infine, le donne. Poverette. Tutte. 

E poi c’è un cane che caga.
Molto.
Caga sulle mattonelle.
Dei ricchi.
E la serva non pulisce.
E il cane caga, caga, caga… i cani cagano, ecco perché nei parchi ci sono i cartelli, ecco perché dove c’è benessere i padroni di cani raccolgono la cacca dei cani con un sacchettino.

Alfonso Cuarón ce lo spiega bene.

Se volete tirarvela di essere colti, guardatelo, se non ve ne frega niente c’è sempre la saga di Guerre stellari.
Che è pure a colori.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vice, la vera storia del braccio destro di George W. Bush è un film che ti lascia inerme

prev
Articolo Successivo

Suspiria, il remake di Guadagnino “è bellissimo”. Anzi no, “è orribile”. Ecco come la critica ha accolto la pellicola (che non convince al botteghino)

next