Roma.
Ci sono i poveri.
Ci sono i ricchi.
C’è il Messico.
Tutto in bianco e nero.
Anche il mare.

Poi c’è la tragedia. In agguato. Sempre.

No, Roma non c’è.
Come no?
No.
E allora perché si intitola Roma?
Cercatelo su Google, così vi fate una cultura anche sul 10 giugno 1971.
Anni di merda veramente.

E infine, le donne. Poverette. Tutte. 

E poi c’è un cane che caga.
Molto.
Caga sulle mattonelle.
Dei ricchi.
E la serva non pulisce.
E il cane caga, caga, caga… i cani cagano, ecco perché nei parchi ci sono i cartelli, ecco perché dove c’è benessere i padroni di cani raccolgono la cacca dei cani con un sacchettino.

Alfonso Cuarón ce lo spiega bene.

Se volete tirarvela di essere colti, guardatelo, se non ve ne frega niente c’è sempre la saga di Guerre stellari.
Che è pure a colori.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vice, la vera storia del braccio destro di George W. Bush è un film che ti lascia inerme

next
Articolo Successivo

Suspiria, il remake di Guadagnino “è bellissimo”. Anzi no, “è orribile”. Ecco come la critica ha accolto la pellicola (che non convince al botteghino)

next