In campagna elettorale aveva promesso di aprire la foresta amazzonica allo sfruttamento agricolo e minerario e alle grandi dighe idroelettriche, riducendo tutti i vincoli posti a difesa della natura e dei popoli indigeni. Ora Jair Bolsonaro ha fatto il primo passo in questa direzione. Con un provvedimento firmato poche ore dopo il suo insediamento, il neo-presidente del Brasile ha tolto la gestione dei confini dei loro territori alle popolazioni indigene e l’ha affidata alla ministra che rappresenta le lobby dei proprietari agricoli.

Con un provvedimento provvisorio destinato alla riorganizzazione dei ministeri, Bolsonaro ha tolto alla Fondazione Nazionale per gli Indigeni (Funai, Fundaçao Nacional do Indio) una delle sue funzioni più importanti e significative: l’identificazione e demarcazione dei territori delle diverse popolazioni indigene del Paese. Con il testo firmato martedì e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale poche ore dopo l’inaugurazione del suo mandato a Brasilia, il presidente ha disposto che nel suo governo questa funzione del Funai sarà assicurata dal ministero dell’Agricoltura, dicastero che ha affidato a Tereza Cristina, una delle due donne del suo gabinetto.

Cristina, finora deputata eletta nel Mato Grosso do Sul, era anche leader del gruppo parlamentare della “Bancada Ruralista“, la potente lobby che rappresenta in Parlamento gli interessi dei grandi proprietari agricoli, frequentemente in conflitto con gli indigeni per lo sfruttamento dei loro territori.

Durante la sua campagna elettorale, Bolsonaro ha promesso anche che la stessa Funai passerà dalla sfera del ministero della Giustizia – ora parte del superministero della Giustizia affidato al magistrato anticorruzione Sergio Moro, titolare dell’inchiesta Lava Jato che ha portato alla caduta del governo di Dilma Rousseff e all’arresto dell’ex presidente Lula – a quella del ministero per i Diritti Umani, che sarà gestito da Damares Alvares, avvocata e pastore evangelista.

“Avete visto? Lo smantellamento è iniziato, il Funai non è più responsabile dell’identificazione, delimitazione e demarcazione delle terre indigene”, ha scritto su Twitter Sonia Guajajara, candidata nel ticket del Psol alla vice presidenza di Guilherme Boulos. Bolsonaro aveva intenzione di fondere i ministeri di Agricoltura e Ambiente, ma ha fatto marcia indietro per le forti proteste. Anche rappresentanti della lobby agricola si sono detti preoccupati, temendo sanzioni commerciali sui prodotti agricoli brasiliani da parte dei Paesi attenti alla tutela ambientale.

Le riserve dei popoli indigeni, vietate allo sfruttamento agricolo e minerario, sono da tempo nel mirino dell’ex capitalo dell’esercito. “Non un centimetro sarà demarcato per le riserve indigene”, aveva detto in campagna elettorale. Il nuovo capo del governo vuole anche far ripartire i progetti per le grandi dighe idroelettriche in Amazzonia, bloccate per le preoccupazioni relative alla loro sostenibilità ambientale e le proteste dei nativi.

In Brasile vivono circa 900mila indigeni, l’1% della popolazione. Le loro terre sono costantemente minacciate dalle occupazioni abusive di agricoltori, allevatori e minatori, e molti indios vengono massacrati perché si oppongono. Il Brasile è lo stato più pericoloso al mondo per gli attivisti ecologisti: l’anno scorso ne sono stati uccisi 57. E ora, con un presidente che li detesta, il loro futuro appare ancora più fosco.

Moro omaggia Falcone e Borsellino – Nel giorno del suo insediamento Sergio Moro ha omaggiato le figure di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Nel suo discorso, il neoministro ha detto che una delle principali sfide che dovrà affrontare sarà la lotta contro la criminalità organizzata, “ogni giorno più potente”, per la quale saranno necessari “più intelligence, leggi più efficaci e operazioni coordinate fra i diversi organismi della sicurezza”.

“Il rimedio è universale, anche se non è sempre facile applicarlo: cattura dei membri delle cosche, isolamento dei loro leader in carcere, identificazione delle strutture e confisca dei beni“, ha aggiunto, sottolineando che “in Italia l’immagine di invulnerabilità di Cosa Nostra è stata distrutta grazie allo sforzo congiunto della polizia, i pm e i magistrati, fra i quali giudici eroici, come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mosca, capodanno col botto al Gorky Park. Ecco cosa accade a queste persone a pochi secondi dal 2019

prev
Articolo Successivo

Cina, Xi Jinping a Taiwan: “Riunificazione pacifica. Ma non promettiamo di rinunciare all’uso della forza”

next