La scoperta fondamentale per la scienza 2018 va al film della vita in Hd, il racconto più dettagliato mai fatto della straordinaria avventura che porta le singole cellule a formare tessuti, organi e interi organismi. Le scene di questa pellicola vengono girate quotidianamente nei laboratori di tutto il mondo, grazie a tre tecniche che promettono di rivoluzionare la ricerca biomedica nei prossimi 10 anni: per la prima volta, infatti, consentono di isolare migliaia di singole cellule dall’organismo per poi analizzarne l’attività dei geni e seguirne lo sviluppo nel tempo. Un risultato così importante, anche per la lotta contro malattie come il cancro e il diabete, da essere premiato come scoperta scientifica dell’anno dalla prestigiosa rivista Science.

I voti ottenuti dalla giuria tecnica dei redattori e da quella popolare dei lettori sono stati così tanti da sbaragliare la concorrenza di altri importanti eventi scientifici che hanno costellato il 2018, come la scoperta della prima sorgente dei neutrini messaggeri della nuova astronomia, catturati in Antartide dall’esperimento IceCube, o lo tsunami del movimento #metoo che ha travolto anche il mondo scientifico.

“Queste tecnologie permettono di creare uno dei film più straordinari mai realizzati, mostrando come una singola cellula cresce per formare complessi tessuti e organi negli animali adulti”, spiega il caporedattore di Science, Tim Appenzeller. Lo studio dei geni che si accendono e spengono in ogni cellula durante lo sviluppo permetterà ai ricercatori di scoprire cosa può andare storto nella formazione dell’embrione, ma anche nell’insorgenza di malattie come il diabete e i tumori. Un passo fondamentale per aprire la strada alla medicina rigenerativa del futuro.

Nel corso del 2018 queste tecniche sono state applicate per la prima volta in maniera estensiva a diversi vertebrati, come il pesce zebra (foto) e la rana, trovando risposte a domande fondamentali dell’embriologia. Sebbene non possano essere applicate direttamente sugli embrioni umani, vengono già usate su tessuti umani e mini-organi prodotti in laboratorio (organoidi) per caratterizzare i singoli tipi di cellule. Una delle applicazioni più importanti porta la firma del consorzio internazionale Human Cell Atlas, che sta creando un atlante delle differenze genetiche che distinguono le cellule del corpo umano.

L’articolo su Science

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Enzo Boschi morto, addio allo scienziato dei terremoti. L’Ingv: “Assunti ieri oltre 100 precari per cui si era battuto”

prev
Articolo Successivo

Aloe vera, la pianta delle meraviglie. Forse un po’ troppe per essere vere

next