L’approvazione del bilancio da parte del Comune di Pisa aveva già fatto discutere per le discriminazioni contenute nel testo nei confronti degli stranieri, penalizzati nell’assegnazione di case popolari, nel’accesso al nido e nelle donazioni. Durante la seduta del Consiglio comunale, proprio mentre si votavano gli emendamenti al documento, è scoppiata la bagarre dopo che ha preso la parola l’assessore all’Urbanistica, Massimo Dringoli. Le opposizioni hanno denunciato il suo intervento (vietato dal regolamento in fase di voto) ma l’assessore ai Lavori pubblici, Raffaele Latrofa, si è infuriato contro i rappresentanti del Pd e la consigliera, Maria Scognamiglio. I suoi colleghi sono stati costretti a intervenire per calmarlo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra in ritardo, Fico: “Proteste? Hanno ragione”. Ma Fraccaro: “Abbiamo difeso la sovranità dell’Italia”

prev
Articolo Successivo

Manovra, torna la trappola della web tax. L’Italia (arretrata sul digitale) tassa il futuro

next