Stanca di combattere invano contro la cellulite, Nicole Minetti ha preso una decisione drastica: si è creata la sua linea di creme anticellulite personale. D’ora in avanti insomma, la pelle a buccia d’arancia ha una nuova nemica. Una novità che è in realtà un ritorno alle origini per lei che negli anni Ottanta, ben prima di diventare consigliera regionale coinvolta nei Bunga Bunga di Arcore con Silvio Berlusconi aveva incominciato con le televendite su Tele A, dove proponeva proprio impacchi a base di alghe per curare gli inestetismi che affliggono molte donne.

Negli anni ho provato di tutto“, confessa Nicole Minetti con voce suadente in un video pubblicato sul suo profilo Instagram, dove si mostra acqua e sapone in palestra, come appena dopo un allenamento. “Integratori, vitamine, creme anticellulite, ma non ero mai soddisfatta. Allora ho pensato: perché non fare una linea tutta mia?“, dice.

Detto fatto, l’ex consigliera regionale ha presentato “Body Sculpt by Nicole“: il suo programma speciale anticellulite che prevede l’utilizzo di due prodotti e un allenamento 3-4 volte a settimana seguendo una mini guida di esercizi focalizzati su addome, glutei e gambe. “Il risultato è assicurato”, giura la Minetti tenendo in mano le scatole rosa con i suoi prodotti “bruciagrassi” per la pancia a base di garcinia cambogia, caffè verde, mango,  ananas, zenzero, finocchio marino e chissà cos’altro. Costo complessivo: 89 euro. Chissà quindi se il fisico scultoreo di Nicole Minetti è tutto frutto di queste sue “pozioni magiche” che solo ora ha condiviso con il pubblico o, piuttosto, delle molte ore (documentate sui social) che trascorre in palestra ad allenarsi?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spezzacchio, l’albero di Natale romano imbragato per via del forte vento: “Gli cadono le palle, come dargli torto?”

prev
Articolo Successivo

Il cane Griffin prende la laurea ad honorem: ha aiutato la sua padrona a studiare

next