Martedì sera sono andati in onda su Rai 1 gli ultimi due episodi della serie tv L’Amica Geniale, che ha chiuso la prima stagione con il 30% di share e quasi 7 milioni di spettatori. Un successo che è stato accompagnato però anche dalle polemiche per due scene censurate dalla Rai: dopo quella della violenza sessuale subita da Lenù nel sesto episodio, c’è stato infatti un nuovo caso, con la cancellazione del nudo integrale di Lila nell’ottavo e ultimo episodio.

La scena che è stata tagliata si trova a metà dell’ottavo episodio, poco prima del matrimonio di Lila con Stefano Carraci: Lila (interpretata dall’attrice Gaia Girace) sta facendo il bagno per prepararsi alle nozze e intanto si confida con l’amica Lenù (Margherita Mazzucco) mostrandosi completamente nuda di fronte a lei. Considerato anche l’orario di programmazione dell’Amica Geniale, la Rai ha deciso di “censurare” il momento hot, tagliando le inquadrature più spinte che sono invece state regolarmente trasmesse nella versione americana trasmessa dal network Hbo, co-produttore della serie tratta dai best-seller di Elena Ferrante e diretta da Saverio Costanzo. La Rai ha deciso quindi di replicare quanto fatto nel sesto episodio, quando la scena dell’abuso sessuale su Lenù non è stata completamente censurata, bensì è stata lasciata solo intendere senza essere mostrata per intero. Quelle stesse immagini sono invece andate in onda nella versione iterale trasmessa negli Stati Uniti.

Intanto, visto l’enorme successo di pubblico, è stata già annunciata la seconda stagione, che seguirà la vicende delle due amiche protagoniste, Lenù e Lila, negli anni Sessanta. Ma per vederla bisognerà aspettare almeno un anno: si parla della fine del 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Linea Notte, Maurizio Mannoni adirato perché Bianca Berlinguer gli dà la linea in ritardo: “Che facciamo, andiamo in onda?”

prev
Articolo Successivo

Roberto Bolle, l’étoile dei due mondi torna con “Danza con me”. Il backstage dello spettacolo con Pif, Cremonini, Favino e Accorsi

next