Con il Mi 8 Lite, si completa la trilogia di smartphone Android di Xiaomi composta dal Mi 8 e dal Mi 8 Pro. Rispetto ai due fratelli maggiori, posizionati nella fascia alta del mercato, arriva in Italia a partire da 299,90 euro, ma è già possibile acquistarlo attraverso Amazon a poco più di 200 euro. Considerando quanto offerto, un valido rapporto qualità/prezzo, come del resto ci ha ormai abituati l’azienda cinese.

Design e prestazioni: una coppia vincente

Design e prestazioni sono certamente i punti di forza di questo prodotto. La scocca è realizzata in vetro e strizza l’occhio al pubblico più giovane. È infatti disponibile in colorazioni davvero particolari, come quelle denominate Aurora Blue e Twilight Gold. La sensazione al tatto è proprio quella di avere tra le mani un dispositivo appartenente a una fascia superiore.

La scelta di utilizzare il vetro sia per la parte posteriore che per quella anteriore sacrifica però l’ergonomia sull’altare dell’estetica. Il Mi 8 Lite è infatti particolarmente scivoloso, per cui il consiglio è di sfruttare la cover di protezione presente nella confezione di vendita. In ogni caso, nonostante le dimensioni non proprio contenute (156,4 x 75,8 x 7,5 millimetri per un peso complessivo di 169 grammi), il terminale si tiene bene in mano e i pulsanti fisici di accensione e di volume sono facilmente raggiungibili. Nessun problema nemmeno con il sensore per le impronte digitali, situato sul retro e sempre preciso e veloce.

È presente il notch, la “tacca” superiore in stile iPhone X, che però nel Mi 8 Lite è particolarmente discreta, di piccole dimensioni insomma. Purtroppo il software non è all’altezza, perché impedisce la visualizzazione delle notifiche nella barra in alto, come avviene di solito negli smartphone Android. Il problema dovrebbe essere comunque risolto molto presto con un aggiornamento.

Convincenti le prestazioni. La presenza del processore Snapdragon 660, che abbiamo già visto su altri smartphone Xiaomi come il Mi Note 3, faceva prevedere una buona resa e l’utilizzo ne ha confermato l’affidabilità. Lo smartphone si comporta egregiamente in ogni tipo di situazione, è sempre scattante e fluido e solo con Instagram abbiamo notato qualche rallentamento. In questo caso però è probabile che dipenda dall’applicazione, avendo riscontrato lo stesso problema anche con altri modelli.

Ciò che ci ha sorpresi particolarmente è la dissipazione del calore. Il Mi 8 Lite sembra non scaldare mai nemmeno dopo lunghe sessioni di utilizzo, e questo ha inevitabili riflessi positivi sull’autonomia. C’è una batteria da 3.350 mAh (milliampereora), che permette di coprire agevolmente la giornata: solitamente siamo arrivati a sera con ancora il 27% di carica residua. Peccato per l’assenza del jack per le cuffie – anche se c’è un adattatore apposito in confezione – mentre è importante il supporto dual-SIM.

Lo schermo del Mi 8 Lite è il classico pannello Xiaomi in questa fascia di prezzo. Si tratta di un display IPS LCD da 6,26 pollici con risoluzione Full-HD+ (1.080 x 2.280 pixel). La qualità generale è buona con un livello di luminosità adeguato, ma con i colori un po’ spenti e ovviamente non ai livelli dei pannelli OLED.

La fotocamera convince meno, specie in notturna

Xiaomi ha posizionato una dual-camera sul retro, con i due sensori da 12 Megapixel e quello da 5 Megapixel disposti in orizzontale. Ci saremmo aspettati di più dal comparto fotografico: le foto scattate di giorno sono buone, ma la riproduzione dei colori non è molto fedele; la situazione peggiora in condizioni di luce scarsa, con colori impastati come se i soggetti fossero stati disegnati con degli acquerelli.

C’è molta perdita di dettaglio e occorre tenere la mano ben ferma per evitare l’effetto “mosso”. Discorso analogo per la fotocamera frontale da 24 Megapixel. Di giorno, i selfie sono tutto sommato accettabili, ma la sera deludono. L’effetto bokeh (fondo sfocato), invece, è nella media sia per il modulo anteriore che posteriore. I video possono essere registrati fino alla risoluzione Full-HD a 30 fps (frame-per-secondo).

Non mancano tutte le funzionalità software a cui Xiaomi ha ormai abituati: dalla possibilità di sfruttare l’intelligenza artificiale fino ad arrivare alla registrazione di video brevi, utili per le stories di Instagram. Tuttavia, considerando le caratteristiche di Mi 8 Lite e la fascia di prezzo di appartenenza, ci saremmo aspettati maggiore attenzione al comparto fotografico.

Restando sul discorso software, il sistema operativo è Android Oreo 8.1 personalizzato con l’interfaccia MIUI 10. Nessuna novità sotto questo punto di vista, è la classica veste grafica di Xiaomi, sempre ottimizzata e fluida, con tante opzioni di personalizzazione. È presente anche lo sblocco tramite il riconoscimento del volto e a tal proposito, anche se utilizza semplicemente il sensore della fotocamera frontale, risulta molto preciso e veloce.

Conclusioni: chi dovrebbe acquistarlo?

Mi 8 Lite, nel complesso, non delude. Certo, ci sono delle sbavature che potevano essere evitate e che avrebbero dato allo smartphone un tocco di fascino in più, ma resta un dispositivo da prendere in considerazione soprattutto in vista del naturale abbassamento di prezzo che si verificherà nei prossimi mesi.

Come detto in apertura, è arrivato in Italia con prezzi che partono da 299,90 euro. Tuttavia, è già possibile acquistarlo a cifre inferiori, e su Amazon si è già posizionato a poco più di 200 euro. Se siete alla ricerca di uno smartphone affidabile caratterizzato da un grande schermo, tanta autonomia e dall’aspetto elegante, Mi 8 Lite fa al caso vostro a patto di accettare qualche piccolo compromesso come la poca accurata resa fotografica. In tal caso, potreste orientarvi verso Honor View 10 Lite, che sotto questo aspetto non delude.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Youtube, in tre mesi l’Intelligenza Artificiale ha aiutato a rimuovere 7,8 milioni di video che non rispettavano le linee guida

prev
Articolo Successivo

‘Huawei non spia’, la Germania ne è sicura. Ma possiamo davvero stare tranquilli?

next