Seguita la meritevolissima opera dell’editore Bompiani nella pubblicazione dei tanto discussi Quaderni neri di Martin Heidegger. Nell’ultimo volume pubblicato, che raccoglie le “Note I-V” redatte tra il 1942 e il 1948, vi è – com’era da aspettarsi – tutta una serie di sviluppi, che sono interessanti non solo per lo studioso specialista e attento alle evoluzioni della Heidegger-Forschung, ma anche per lo storico e per chiunque abbia interesse a comprendere il mondo del tecnocapitalismo così come viene esaminato dal “pensiero dell’essere” (Seinsdenken). Leggerli può, peraltro, giovare a un più sobrio inquadramento dell’autore, contro gli eccessi di certi studiosi anche nostrani, ossessionati dall’antisemitismo e dal presunto intrinseco nazismo del filosofo di Essere e Tempo.

Nel testo, ad esempio, è custodita una fondamentale disamina del comunismo in relazione alla tecnica, ma poi anche in connessione con la metafisica come verità dell’ente in quanto tale in Karl Marx e in Friedrich Hegel. Addirittura, Heidegger si spinge a sostenere che il comunismo sovietico è realizzazione della metafisica di Hegel per il tramite del suo rovesciamento-compimento marxiano. Ugualmente interessante è la spietata critica, costantemente ribadita, della barbarie nazista, della follia hitleriana e – udite, udite! – dell’antisemitismo, giudicato apertis verbis come incondizionato erramento. Heidegger scrive testualmente che l’Europa è divenuta “un unico ufficio”, quasi anticipando, con la sua analisi, l’essenza odierna dell’Unione europea come tecnocrazia efficiente quanto repressiva.

Per quel che concerne la Germania, Heidegger, con note a tinte fosche, asserisce che essa è ormai distrutta. Distrutta non solo dalla barbarie hitleriana, ma anche ad opera degli americani. Non resta – egli scrive – che annientare spiritualmente i tedeschi. Ed è ciò che avverrà, in effetti, negli anni seguenti, con la più volgare americanizzazione della cultura tedesca. E ciò lungo il piano inclinato che ci porta al nostro presente, in cui in Germania non v’è più traccia di un Goethe o di uno Schiller, né della grande tradizione filologica. Ricordo di un seminario su Platone che seguii nel 2009 a Bielefeld: non uno studente che sapesse il greco antico.

Sempre nel testo, Heidegger fa autocritica. Sottopone a una scherzate requisitoria la sua pur breve adesione al nazismo, come anche il famoso discorso che pronunziò come rettore nel 1933. E dice, non senza buone ragioni, che tutto ciò viene usato contro di lui per marginalizzarlo. Il riferimento è ovviamente al doloroso allontanamento forzato dall’insegnamento universitario impostogli dopo la fine del nazismo. Allontanamento del quale nel testo discute a più riprese. Insomma, per questi e per molti altri motivi, i Quaderni neri meritano di essere letti e meditati con spirito critico, a giusta distanza dai due fanatismi complementari dell’odio apriorico e dell’esaltazione entusiastica.

Voglio qui citare un solo passaggio, che stimola massimamente un ripensamento del nostro presente, la “notte del mondo” in cui il buio è talmente fitto che nemmeno più si è in grado di vederlo: “Dov’è che c’è ancora un ciabattino che potrebbe prendere la misura e cucire tutto con le mani? Uno che non consegni delle merci, bensì delle scarpe, in cui una ‘vita’ sia in grado di camminare?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oliviero Toscani, un libro fotografico per celebrare i 200 anni del sigaro Toscano

next
Articolo Successivo

“Narcos”, ma italiani. Da Badalamenti a Caruana, un investigatore racconta dal vivo i boss del traffico di droga

next