Cento euro di multa per aver bestemmiato davanti ai figli all’ingresso di una scuola. È accaduto ad Albisola Superiore, in provincia di Savona. Protagonista un quarantenne, che ha imprecato a voce talmente alta da suscitare la reazione da parte dei vigili.

Secondo quanto scrivono sia La Stampa che Secolo XIX, l’uomo era stato invitato a spostare l’auto, lasciata in mezzo alla strada e sulle strisce pedonali. L’imprecazione dell’automobilista – che ha suscitato la disapprovazione degli altri genitori – non è passata inosservata ai vigili che erano proprio lì vicino, intervenuti poi per applicare la sanzione.

“Avendo a che fare con un uomo che ad alta voce ha bestemmiato e davanti ai bambini, gli agenti hanno seguito la legge” spiega il comandante dei vigili Bruno Calcagno. Il reato di blasfemia è stato depenalizzato una decina di anni fa, così l’uomo ha evitato la denuncia, ma si è visto consegnare un verbale da 100 euro per “invettive o parole oltraggiose contro la Divinità“. La sanzione prevista varia da 51 a 309 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Breaking Bad a Bergamo, 61enne scopre malattia e inizia a spacciare cocaina: “Soldi servivano per il funerale”

prev
Articolo Successivo

Verona, il prete perde alle slot machines un milione di euro della parrocchia e chiede prestiti ai fedeli: “E’ per la chiesa”

next