La cometa di Natale 46P/Wirtanen risplende già nel cielo e lo annuncia lei stessa sul suo profilo Twitter: ormai infatti è a poco più di 23 milioni di chilometri dalla Terra ed è diventata visibile ad occhio nudo, nella costellazione della Fornace. Chi abita in zone buie e prive di particolare inquinamento luminoso può già ammirarla anche dall’Italia, ma per il momento è ancora molto bassa sull’orizzonte e compare solo per poco tempo. La sua luminosità aumenterà fino a metà dicembre e rimarrà ben visibile fino all’inizio di gennaio, conquistando di diritto il suo soprannome “natalizio”.  

La cometa è stata scoperta nel 1948 dall’astronomo Carl A. Wirtanen e ha un periodo di 5 anni, cioè ogni 5 anni si avvicina al Sole mettendosi in mostra per gli appassionati. Il prossimo 12 dicembre raggiungerà il punto più vicino alla nostra stella, il suo perielio, e il 16 dicembre sarà alla distanza minima dalla Terra, a 11,5 milioni di chilometri. La sua chioma apparirà grande il doppio della Luna, ma la cometa di Natale non ci mostrerà la sua coda: per colpa dell’allineamento con il nostro pianeta infatti sarà nascosta dalla chioma e sarà quindi visibile come una sorta di nebulosa o di stella sfocata. 46P/Wirtanen pur essendo relativamente piccola – il suo diametro è di circa 1,2 chilometri – promette in ogni caso di essere la cometa più spettacolare degli ultimi anni e diversi sono già riusciti ad immortalarla. Capita raramente che un oggetto di questo tipo sia così ben visibile dalla Terra: ad esempio, nel 2012, la Ison aveva generato molte aspettative, ma si è disintegrata passando vicino al Sole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, gemelle nate con il Dna modificato: il ricercatore difende l’integrità etica del suo esperimento

next
Articolo Successivo

Hiv, nel 2019 la seconda sperimentazione per vaccino terapeutico pediatrico

next