Un biglietto trovato a terra con alcune frasi che annunciano l’intenzione di farla finita, un ringraziamento per un medico e la firma con un nome femminile. Il ritrovamento del messaggio di addio, giovedì mattina in via Milazzo a Bologna, ha fatto scattare quella che per qualche ora è stata una corsa contro il tempo per salvare una donna dal suicidio. In realtà il biglietto, come si è poi appurato, era stato scritto ben 22 anni fa da una persona che, nel frattempo, ha superato la depressione e oggi è una pensionata ottantenne.

Il lieto fine è stato scoperto dalla Polizia dopo una serie di accertamenti e verifiche, scattate subito dopo il ritrovamento del biglietto da parte di una commerciante, che ha avvertito il 113. “Mia moglie è qui in casa e sta bene” ha risposto il marito ai poliziotti, quando lo hanno chiamato. L’unico elemento chiaro da cui partire per trovare la donna e salvarla era il nome del medico, mentre la firma era un semplice nome di battesimo, tra l’altro non ben leggibile. Gli agenti della volante intervenuti sul posto, insieme ai colleghi della centrale operativa, hanno rintracciato il professionista, uno psichiatra che attualmente non lavora a Bologna.

Contattato al telefono, ha detto di ricordare di avere avuto in cura una paziente con quel nome, ma alla fine degli anni Novanta. Conservava tuttavia ancora il numero di telefono del marito, che ha risposto, chiarendo l’equivoco. Il biglietto di addio era stato scritto da sua moglie nel 1996, quando soffrì di una grave depressione che aveva poi superato, ed era probabilmente finito a terra dopo essere caduto da una scatola durante un trasloco fatto, proprio l’altra mattina, dalla loro vecchia casa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, 120 in salvo dopo allarme ong Salvini: ‘Malta abbandona 150 persone’ Open Arms: ’12 lasciate in mare dai libici’

next
Articolo Successivo

Pisa, “bambina venduta a pusher in cambio di droga”: indagati i due genitori

next