Centri storici a pagamento nella provincia di Bari. L’iniziativa parte dal comune di Polignano, cittadina a 20 chilometri dal capoluogo pugliese che – in occasione del Natale – illumina il borgo antico con le famose luminarie di Salerno ma chiede ai visitatori l’acquisto di una card da 5 euro per poter accedervi e per usufruire dei servizi. Fa di più: introduce dei tornelli per regolare gli ingressi. Insomma a una famiglia di quattro persone un giro nel centro storico costa 20 euro. Il provvedimento sarà in vigore nei fine settimana sino all’8 dicembre e poi sino al 6 gennaio, tutti i giorni. La regola non vale per i residenti di Polignano, ma per tutti gli altri sì. La cosa fa storcere il naso e non poco.

Mentre la polemica non si placa, anzi si allarga. Tanto più che Salerno, madre delle luminarie, gode di un patrimonio di 1 milione e mezzo di visitatori “certificati” che non hanno mai pagato il pedaggio. Un flusso di visitatori che da 13 anni è cresciuto in modo esponenziale portando in città da novembre a gennaio turisti proveniente da ogni parte di Italia. Per intenderci, lo storico evento campano – riproposto a Polignano – prevede altre iniziative collaterali che sono a pagamento come la ruota panoramica, l’accesso al villaggio di Babbo Natale e ai presepi di sabbia. Tutti eventi circoscritti. Mentre le luminarie restano libere. Eppure l’idea di Domenico Vitto contagia anche il vicinato. A difenderlo a spada tratta è Michele Longo, presidente della Commissione turismo Anci Puglia e sindaco di Alberobello, la città dei trulli, dichiarata patrimonio dell’Unesco. Della serie se può farlo lui, figuriamoci io. E allora inventa una strategia: una ‘Fondazione di partecipazione’ che mettendo insieme le associazioni di settore avrà il compito di confezionare una proposta turistica per i visitatori. L’idea è quella di creare un percorso artistico, culturale e culinario per le vie di Alberobello dove accompagnare il turista attraverso guide specializzate. Solo i turisti interessati, con un contributo di 5 euro, potranno usufruire del servizio. “Un modo per valorizzare la storia della nostra città”, commenta Longo.

Nei fatti un ticket per accedere al centro storico e non solo, ma con un pedaggio assolutamente facoltativo. Il modello seguito dal sindaco è quello che in Sardegna – nella località di Barumini – ha portato all’assunzione a tempo indeterminato di cinquanta figure professionali del settore. Cosa diversa quindi da quanto deciso dal sindaco di Polignano. Le luminarie sui trulli di Alberobello quindi saranno visibili a tutti e senza pedaggio. Una iniziativa fortunata che ha portato in Puglia tantissimi turisti nel periodo natalizio, circa 130mila di cui il 48 per cento è di nazionalità straniera. Molti provengono dall’est asiatico, Giappone e Cina in particolare. L’iniziativa di Polignano resta quindi unica, almeno per il momento. Il presidente nazionale dell’Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro – intanto – stringe la spalle: “Ogni sindaco decide per conto suo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Making a Murderer 2: la verità su Steven Avery nelle mani di Kathleen Zellner, avvocatessa caterpillar

next
Articolo Successivo

Chiara Ferragni posta una foto molto sexy e Roberto Cavalli la attacca: “Chi ti credi di essere? Sei solo una macchina da soldi. E sei molto più bella vestita”

next