Poche ore fa la Corte Suprema del Regno Unito ha comunicato di avere ricevuto dal ministro per la Brexit una richiesta volta a ottenere il permesso di proporre appello contro una decisione nel caso che lo oppone a un gruppo di politici scozzesi e al direttore del Good Law Project, l’avvocato Jolyon Maugham.

Il gruppo di politici aveva chiesto alla Court of Session, in Scozia, una pronuncia a proposito della notifica prevista dall’articolo 50 del Trattato dell’Unione Europea. Lo Stato che intenda non fare più parte dell’Unione deve infatti presentare quella notifica per avviare i negoziati con gli altri stati membri. I negoziati, salvo proroghe concordate, si protraggono per due anni, alla cui scadenza, indipendentemente dal raggiungimento di un accordo, lo Stato richiedente smette di essere un membro dell’Ue. In particolare i ricorrenti chiedevano di sapere “se, quando e come la notifica può essere revocata unilateralmente”.

Dopo un primo diniego, la Court of Session, in sede di appello, aveva acconsentito a presentare una questione pregiudiziale davanti alla Corte di Giustizia di Lussemburgo per ottenere l’interpretazione corretta del testo dell’articolo 50 e decidere di conseguenza. La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha fissato l’udienza per discutere il caso il prossimo 27 novembre, prima che l’eventuale accordo tra Regno Unito e Unione Europea venga sottoposto al voto delle Camere, ma il governo inglese, che ritiene irrevocabile la notifica, sta ora cercando di fare in modo che quell’udienza non abbia mai luogo e la revoca non diventi un’opzione concreta al momento del voto in Parlamento.

“È incredibile – ha dichiarato Maugham – che il governo spenda tanto denaro pubblico nel tentativo di nascondere agli occhi dei membri del Parlamento tutte le opzioni a loro disposizione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Argentina, ritrovato il sottomarino Ara San Juan: era scomparso un anno fa con 44 persone a bordo

next