La Prova del Cuoco, due mesi dopo il debutto, continua a catalizzare l’attenzione tra gaffe, dichiarazioni al vetriolo, polemiche e retroscena. L’addio dopo diciotto anni di Antonella Clerici ha  riportato negli studi del programma culinario Elisa Isoardi, che l’aveva già sostituita nel 2008, ma con risultati molto deludenti, per non dire flop. La nuova Prova del Cuoco ha perso per strada troppi telespettatori e molti punti di share, viaggiando ora intorno al 12%, distante dal competitor di Canale 5 Forum.

La conduttrice e il capoautore Casimiro Lieto, in corsa tra le polemiche anche per una direzione di rete, hanno provato ad aggiustare il tiro richiamando nel programma i vecchi chef e non solo. Nelle scorse settimane Andrea Lo Cicero era stato declassato da coconduttore (sarebbe più giusto definirlo spalla) a inviato in esterna sostituito in studio da Ivan Bacchi che in precedenza si occupava appunto dei collegamenti come Claudio Guerrini.

Non sarebbe finita qui perché, stando a quanto racconta Blogo, Lo Cicero sarebbe ora fuori dalla Prova del Cuoco. L’addio dell’ex rugbista non è al momento ufficiale ma c’è da chiedersi se l’esclusione dal programma sia stata decisa dallo sportivo o dalla Isoardi e dal suo gruppo di lavoro. I cambiamenti in corsa sono necessari per provare a migliorare i risultati ma, com’è noto, raddrizzare il tiro per un programma partito male non è una impresa semplice.

“Quando Elisa sostituì Antonella durante la gravidanza era più spontanea. Mi piacerebbe che ritrovasse un po’ di quella naturalezza”, aveva dichiarato Anna Moroni. “Il calo degli ascolti non è fisiologico. Dipende da una gestione sbagliata. A prescindere da chi lo conduce, questo è un programma che vive di dettagli. È stato un errore cambiarlo totalmente, eliminando tutti i volti a cui gli spettatori erano affezionati”, aveva commentato Antonella Clerici.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabrizio Corona: “La madre di Asia? Intervenire così vuol dire che c’è invidia”. E ancora: “Con Lele Mora storia omosessuale? Ma va, no. Però gli voglio bene”

next
Articolo Successivo

X Factor 2018, Mara Maionchi si esalta per l’esibizione di Anastasio: “Yeeeaahhh, sì ca**o che musica forte”

next