La Lega di Matteo Salvini continua a raccogliere consensi, raggiungendo così il 34,7%, la percentuale più alta di sempre. Rimane stabile invece il Movimento 5 Stelle al 28,7% (+0,2%), seguito dal Pd con il 16,5%  (-0,6%) e Forza Italia con l’8,7% (+0,9%). Sempre più staccati invece, + Europa e Fratelli D’Italia, entrambi fermi al 2,7%, e Leu al 2,1%. È quanto emerge dagli ultimi sondaggi commissionati dal Corriere della Sera a Nando Pagnoncelli, che registrano anche la sostanziale tenuta del governo Lega – 5 Stelle: il 57% degli italiani ha espresso infatti un giudizio positivo sull’esecutivo e l’indice di gradimento cala solo di un punto, passando da 64 a 63.

La continua ascesa della Lega, dicono i sondaggi, si deve soprattutto a nuovi potenziali elettori: oltre la metà di coloro che oggi la voterebbero (54%), non ha votato per il partito di Salvini lo scorso 4 marzo e si tratta per lo più di elettori delusi dal M5S, a cui si aggiungono poi una parte degli astensionisti e poi per il 12% ex elettori di Forza Italia, per il 4% di un altro partito di centrodestra e per il 3% del Pd. Trainata dal Carroccio, la coalizione di centrodestra passa così dal 37% al 46,5%, superando così la soglia del 40% necessaria per garantire la maggioranza in Parlamento. Calano invece sia M5S (-4 punti) e centrosinistra (-3%).

Aumentano però, anche se di poco, le valutazioni negative, che passano dal 32% al 33%, e le posizioni critiche nei confronti dell’operato del governo, dal 30% al 33%. Chi perde consensi personali sono invece il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che passa dal 60% al 58%, e i due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, che registrano un calo dell’indice di gradimento personale. Le forti tensioni emerse nell’ultimo mese all’interno della maggioranza e gli scontri accesi tra Salvini e Di Maio non sembrano quindi aver inficiato il giudizio degli italiani sul governo, ma si riflettono piuttosto nel calo di fiducia nei confronti dei leader dei partiti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scanzi: “L’Italia è in una fase para-democratica e neofascista? No, basta con questa storia. E’ un regalo a Salvini”

prev
Articolo Successivo

Di Maio: ‘C’è contratto. Va rispettato’. Salvini: ‘Avanti insieme’. Lega in pressing su prescrizione e finanziamenti ai partiti

next